Max Verstappen: “Da Barcellona niente incidenti”

Max Verstappen (©Getty Images)

F1| Max Verstappen: “Da Barcellona basta incidenti”

Sotto l’occhio attento della dirigenza Red Bull, ormai pronta in ogni istante a far scattare la tagliola degli odiosi ordini di scuderia, Ricciardo e Verstappen si sono presentati al Montmelo come dei bambini che sapendo di averla fatta grossa tengono la testa bassa. Come normale che fosse interrogati soprattutto sulla collisione catastrofica di Baku, i due hanno semplicemente rinnovato le scuse e affermato i buoni propositi.

“Abbiamo discusso di quanto successo sotto ogni prospettiva e con il coinvolgimento dell’intero team. In qualità di driver abbiamo scatenato l’incidente, ma c’era stato un accumularsi di eventi, per cui era importate parlarne”, ha spiegato Daniel, il più savio del duo. “Sinceramente mi aspettavo che sarebbe andata a fine così. Forse alla sosta si poteva fare qualcosa di diverso. Insomma c’erano diverse cose in ballo”. Quindi alla domanda su possibili strategie future in caso di ruota a ruota l’australiano ha confidato: “Credo che sì, ci sarà l’intervento del muretto, specialmente se chi è dietro è più veloce. Personalmente amo gareggiare e non ho voglia di stare in scia ad un’auto per 60 giri”

La promessa

Messa da parte la tracotanza Max Max, dal canto suo, ha assicurato un approccio più cauto a partire dalla Spagna, sperando che non faccia come i marinai visto che negli ultimi tre round è stato al centro di tre crash.

“Abbiamo capito entrambi cosa è accaduto”, ha commentato l’olandese. “Nessuno vuole vedere episodi del genere, tuttavia mi è piaciuto potermi confrontare con la squadra successivamente e far loro ascoltare la mia versione. Non è la prima volta che accade. Ci siamo scusati e ciò che conta è che non capiteranno più contatti simili. Sono convinto, inoltre che qualora dovessimo trovarci in situazioni analoghe con un duello tanto ravvicinato dal box ci inviteranno a calmarci e a congelare le posizioni”.

Chiara Rainis