MotoGP KTM, Pit Beirer: “Zarco ci renderà più forti”

Pit Beirer
Pit Beirer (©Getty Images)

MotoGP KTM, Pit Beirer esalta le doti di Johann Zarco.

KTM ha ingaggiato uno dei piloti più promettenti della MotoGP, a dimostrazione del grande impegno e progetto che stanno attuando. A ridosso del GP di Jerez Johann Zarco ha annunciato di aver firmato un contratto biennale con la casa austriaca, ritornando in sella alla sua amata KTM con cui ha esordito in carriera nel 2007, aggiudicandosi la Red Bull Rookies Cup, vincendo quattro gare e salendo sul podio per tre volte su otto gare in calendario.

Zarco in KTM: velocità e dedizione al lavoro

Il direttore di KTM Motorsport, Pit Beirer, è soddisfatto della trattativa portata in porto ed elogia la fiducia e il rischio che il francese ha riposto nella giovane squadra. “Certo, tutti si chiedono quanto lontano possa andare KTM. Nessuno può rispondervi. Quando si assume un rischio, c’è sempre una possibilità – ha detto a Speedweek.com -. Abbiamo mostrato a tutti gli esperti del paddock che stiamo cercando di essere molto coscienziosi. Vogliamo arrivare in cima e non lasciare nulla di intentato. Sullo sfondo abbiamo un team di test completo, l’intera fabbrica è alle nostre spalle, questo è un grande investimento. Se riusciremo negli ultimi passaggi, allora forse ad un certo punto faremo un piccolo passo davanti agli altri team di fabbrica”.

Johann Zarco ha deciso di puntare sull’irriducibile lavoro di un’azienda che nell’ultimo decennio sta scalando le classifiche del motorsport e dei mercati. “Sono sicuro che Johann ci renderà più forti, farà le domande giuste… Abbiamo cercato il miglior pilota possibile per fare il prossimo passo con lui. Ovviamente che voglia lavorare con il team e sviluppare la moto”. Dopo i primi passi mossi con Pol Espargarò e Bradley Smith nel box KTM serviva un rider di spessore che sapesse combattere e portare avanti lo sviluppo della RC16. Ma con il suo stile di guida saprà adattarsi alla nuova moto o c’è il rischio che, al pari di Lorenzo con Ducati, non riesca ad adattarsi? “La nostra richiesta è che i conducenti non debbano cambiare il loro stile per la nostra moto. Vogliamo costruire una moto adatta a molti piloti. Questo è un obiettivo, ma non l’abbiamo ancora realizzato. Sì, c’è un rischio, ma lo supereremo. Faremo felice Johann, si adatterà alla nostra moto, ne sono sicuro”.