Fabrizio Frizzi, scoperta la malattia che lo ha ucciso

Foto dal web

Fabrizio Frizzi ci stava riuscendo. Voleva farcela per sua figlia. Invece nella notte la notizia che ha sconvolto il mondo della televisione e non solo. E’ morto il presentatore della porta accanto e in molti ora si stanno chiedendo: ma cosa è realmente successo?

Il conduttore romano è deceduto per un’emorragia cerebrale. Si è spento per una situazione che va ovviamente studiata da parte degli esperti  ed è molto  importante provare a capire cosa sia accaduto nel suo corpo. Quello che ha portato alla morte Frizzi si chiama ICH ed è la seconda causa più comune di ictus, con una percentuale di circa 8%-15% in occidente.

Si parla di 10-25 persone ogni 100.000 un numero comunque importante. Ma di cosa si tratta? L’emorragia al cervello, è una  presenza di un’ematoma all’interno si esso. I medici con una terapia cercano di ridurlo. Sono diversi i contesti che complicano quello che può accadere e sono altrettanti gli interventi chirurgici che possono portare a ridurre questo problema, e le cure post operatorie sono parecchio importanti.

Questa cosa solitamente accade per la rottura di un’arteria che non deve essere per forza successa attraverso una botta o un trauma. Il malditesta e il vomito in primis sono un sintomo importante dell’imminente malattia. Il sangue in questi casi si accumula e questo causa un’edema celebrale, un rigonfiamento. Sono tutti diversi i casi tra loro, la cosa comune, di solito, è un’anomalia alle arterie