CONDIVIDI
Lewis Hamilton, Mercedes (©Getty Images)

Piccola disavventura per la grande protagonista degli ultimi 4 mondiali di F1. Domenica scorsa uno sparuto gruppo di migranti ha deciso di fermarsi in un’area facente parte del quartier generale Mercedes di Brackley che attualmente vanta circa 700 dipendenti. Invitati a lasciare il campo, gli ospiti hanno fatto orecchie da mercante, motivo per cui in serata il personale di sicurezza è stato costretto ad avvertire la polizia del Northamptonshire.

“Le forze dell’ordine della zona sono state contattate verso le 20.15 a seguito della presenza di alcune persone in una proprietà privata. Richiamati ad abbandonare il sito i nomadi sono usciti dal’area della factory lunedì mattino”, il report di uno dei poliziotti secondo quanto riportato dal Daily Mail.

La lotta per il mondiale 2018

In tema di Frecce d’Argento, tra un evento mondano e l’altro Lewis Hamilton ha lanciato il guanto di sfida agli avversari per la prossima stagione. Se di recente il responsabile sportivo Liberty Media Ross Brawn aveva ipotizzato un nuovo campionato in mano a Stoccarda, l’inglese ha cercato di mitigare dando una speranza anche agli altri.

“Personalmente assieme a me vedo bene Vettel, Verstappen e Alonso. Con loro sarà vera battaglia”, ha confidato ad Auto Motor und Sport. “Sinceramente spero davvero che si possa essere lì a combattere assieme. Tutti e tre, sono difficili da mettere dietro. In particolare dopo quanto vissuto nel 2017 ho capito che quando ci trova gomito a gomito con Sebastian bisogna concedergli spazio. Un rischio ancora più grande lo si corre con Max, che tra l’altro ha margini di crescita. Ad oggi però, il più duro da battere è Fernando. Se vuoi riuscire ad avere la meglio su di lui devi giocarti le carte giuste, inoltre ha un istinto di gara unico. Dovessi scommettere dei soldi su cosa regalare l’anno venturo, punterei quindi su un gioco a quattro”, ha concluso l’inglese.