CONDIVIDI
(©Getty Images)

La Grand Prix Commission, nell’ultima seduta tenutasi il 29 novembre 2017 a Mies (Svizzera9, ha decretato nuove decisioni inerenti alla stagione 2018 del Motomondiale. Tra le principali novità due nuovi trofei per team e piloti satelliti in MotoGP e una classifica per squadre in Moto2 e Moto2.

Regolamento sportivo

Attualmente esiste già una classifica del campionato FIM per i team della classe MotoGP. Ma la GP Commission ha deciso di inaugurare due nuovi trofei: Trofeo Scuderia Indipendente MotoGP e Trofeo Pilota Indipendente Classe MotoGP, per premiare il miglior team indipendente nella classe regina e il miglior pilota non ufficiale. Per quanto concerne Moto2 e Moto3 sono stati introdotti due nuovi Campionati del Mondo FIM, oltre ai tradizionali campionati per piloti. I risultati si baseranno sui punti combinati di tutti piloti della squadra, inclusi i sostituti e i rimpiazzi.

Regolamento tecnico

Novità per quanto concerne i messaggi inviati dai team direttamente sul dashboard delle moto. “I team continueranno ad avere la possibilità di inviare messaggi al pilota utilizzando lo stesso sistema già in uso per i messaggi della Race Direction, come fatto nel 2017. Sono stati introdotte regole per garantire che i box comunichino in modo conforme al cronometraggio Dorna. Il requisito principale è che qualsiasi messaggio inviato al pilota debba essere replicato con precisione da quello ricevuto dal cronometraggio Dorna e da quello emesso nella diretta TV”.

Novità anche per quanto riguarda i cerchioni. “Sono state confermate nuove proposte per il collaudo e l’approvazione dei cerchioni da corsa su strada. I dettagli si trovano nei regolamenti tecnici aggiornati”.

Altro

KTM potrà schierare Mika Kallio in veste di wild card per cinque Gran Premi nel 2018: Spagna (Jerez), Catalogna, Germania, Austria e Aragón. Le squadre che utilizzano motori delle Case presenti (team satellite), con concessioni, hanno il diritto di poter schierare sei wild card a stagione anziché tre. È stato deciso che se un costruttore perde le concessioni, questo diritto non sarà revocato fino all’anno seguente.