CONDIVIDI

Attendere che il motore si riscaldi accorcia la vita della nostra auto

Contrariamente a quello che ci hanno sempre detto, tramandato dai nostri nonni di generazione in generazione, nei periodi più freddi dell’anno, quando la mattina troviamo la nostra macchina semi-congelata, o addirittura sotto un manto di neve, non serve attendere che il motore si riscaldi prima di partire. A spiegare il perché di tutto questo è Stephen Ciatti, ingegnere meccanico specializzato in motori all’Argonne National Laboratory: “La benzina è un potente solvente e può rimuovere l’olio dai cilindri se lasci acceso il motore al freddo per un po’ di tempo”. In parole povere lasciare la macchina accesa attendendo che la temperatura salga, ed il motore si riscaldi, serve solo a farci consumare più carburante, e porta via l’olio da cilindri e pistoni. Con i motori di nuova generazione hanno dei sensori che nel momento in cui rilevano una temperatura non conforme pompano più carburante, il motore continua così a funzionare fino a quando non si riscalda e raggiunge una temperatura superiore ai 4 gradi.

Quello che ci dicevano i nonni non era però del tutto errato

La prima cosa che ci chiediamo dopo aver appreso questa notizia è: “perché allora tutti ci dicevano di fare così?”. Le accortezze dei nostri nonni non erano poi del tutto errate. Abbiamo premesse che il discorso è da riportar ai motori di ultima generazione, per capirci dagli ultimi 20 anni in avanti. Dunque per i vecchi motori a carburante, che tanti anni fa dominavano la scena, continua a essere valido il vecchio comandamento. In pratica se avete una bella auto d’epoca, di almeno 30 anni or sono, lasciatela riscaldare con calma, onde evitare di non arrivare nemmeno alla fine della via. In ogni caso, la precauzione è sempre buona cosa, quindi possiamo accendere l’auto e partire subito già da domani mattina, ma nei primi 5 – 10 minuti di tragitto, mentre i nostri sensori fanno il loro dovere, è comunque consigliabile tenere una velocità di crociera molto bassa, in modo da permettere che il motore raggiunga la temperatura ideale. Poi si può pigiare per bene l’accelleratore a volontà.