Valentino Rossi: “Non so che direzione seguirà Yamaha”

Valentino Rossi (©Getty Images)

A campionato finito migliorano le sensazioni di Valentino Rossi sulla Yamaha M1. Nel primo giorno di test a Valencia chiude 4° a soli 330 millesimi dal best lap del compagno di squadra Vinales. Al mattino ha riportato una brutta caduta in curva 10: nessuna conseguenza fisica, ma la sua M1 con motore 2018 è andata distrutta.

Fermando il cronometro a 1’30″159 il Dottore ha girato 0,3 secondi più veloce di sabato nelle qualifiche. A sua disposizione tre moto, di cui una identica a quella con cui ha girato nel GP di Valencia. “Questa giornata non è stata male, perché avevamo più tempo per lavorare con il telaio del 2016. Mi sentivo forte, il mio passo era buono. Anche con le nuove gomme, ho raggiunto tempi buoni perché non ero lontano dalla vetta – ha spiegato Valentino Rossi -. Il mio feeling con la moto è stato molto positivo, perché abbiamo trovato il giusto equilibrio. Ma abbiamo problemi con l’usura della gomma posteriore. La macchina del 2016 non è abbastanza, dobbiamo continuare a lavorare”.

La buona prestazione nel day-1 dei test di Valencia non basta a far tornare il sole nel box Movistar Yamaha. Sul fuoco anche un nuovo propulsore montato sul telaio 2016. “La mia priorità era sul motore, che è il primo prototipo del motore per il 2018. Sfortunatamente, sono caduto dopo solo due giri quando l’ho usato. Spero di usarlo di nuovo mercoledì. Il motore potrebbe portare un po’ più di velocità, ma probabilmente non ci aiuterà con il problema dell’usura dei pneumatici posteriori. Ho provato la nuova gomma posteriore morbida Michelin e mi è piaciuta, anche se non fa una grande differenza”.

Dal Giappone non arrivano schiarite sullo sviluppo da intraprendere. Valentino Rossi è in contatto con la fabbrica nipponica, ma non c’è ancora nulla che faccia dormire sonni tranquilli. “Non so quale direzione seguirà la Yamaha. Zarco ha testato la macchina del 2017 e si è sentito a suo agio. Sono felice per lui. Ora dobbiamo descrivere esattamente le nostre impressioni. Dopodiché, la Yamaha deciderà”.

Tags:



Altre Notizie