Andrea Dovizioso: “Feeling migliorato, preferisco la Ducati senza ali”

Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Due giorni dopo la fine del campionato MotoGP 2017 team e piloti in pista ancora a Valencia per i primi test con vista 2018. Una giornata importante di lavoro per tutti, che devono sfruttare queste occasioni per migliorare. Per Ducati poche novità da provare.

Andrea Dovizioso si è posizionato settimo, davanti al compagno Jorge Lorenzo. Il vice-campione del mondo non sembra essere riuscito a risolvere i problemi visti nell’ultimo weekend, in particolare quelli in curva nel girare bene senza faticare, anche se a suo dire il feeling oggi è stato migliore. Il team sta lavorando e sicuramente per il 2018 farà uno step in avanti, così da evitare di soffrire certe piste.

MotoGP, Valencia Test: parla Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso al termine della giornata è intervenuto ai microfoni di Sky Sport: “Molto buono il feeling che avevo oggi, meglio che nel weekend. Non è facile riprendere dopo due giorni con una buona velocità su una pista dove fatichiamo. Oggi ero molto costante ed è importante nei test. Non avevamo troppa roba da provare, ma è stato un buon test e abbiamo dato indicazioni positive. Abbiamo provato le  nuove forcelle Ohlins e siamo andati un po’ meglio. Abbiamo provato delle piccole parti per definire la moto 2018. Non siamo ancora riusciti a migliorare certi aspetti dove secondo me abbiamo bisogno, però il feeling è stato buono”.

Il forlivese ha proseguito così il suo intervento: “Nei test i tempi contano fino a un certo punto, conta il feeling con la moto. Oggi con condizioni migliori e senza pressioni era più facile, abbiamo potuto lavorare su certi dettagli e ci possiamo portare dietro questo lavoro in futuro. Non è un semplice trovarsi bene oggi e basta. Per questo sono contento”.

Si parla poi dei problema della Ducati nel girare in curva: “Sul turning ci stiamo lavorando, però non è facile risolvere il problema. Non c’è un programma ben definito per migliorare lì. E’ complicato rispondere. Stiamo lavorando su tutto. Sarebbe positivo avere il programma stabilito, però non è così. E’ difficile individuare la causa”.

Infine a Dovizioso viene chiesto della sua preferenza nel correre con una Desmosedici senza ali: “Ci è stato dato spazio per scegliere gara dopo gara. Per me senza carena alata abbiamo più margine di miglioramento, in un weekend puoi migliorare abbastanza. Per me è meglio guidare senza ali, mi sento più libero e si riesce a lavorare meglio”.

 

Matteo Bellan



Altre Notizie