Jacques Villeneuve: “Bottas imbarazzante in Brasile”

Valtteri Bottas (©Getty Images)

E’ incredibile come a volte un mancato successo crei più scalpore di una vittoria schiacciante. E il povero Valtteri Bottas ne sa qualcosa. Davanti a tutti in Russia e in Austria ma praticamente passato inosservato, il finnico ha fatto il botto di popolarità in occasione del GP del Brasile di domenica scorsa, quando ha perso la corsa al via a favore di Vettel. Un liscio, il suo, non passato inosservato, tanto che il compagno di box Hamilton, non appena sceso dalla W08 ha subito ironizzato chiedendosi come mai non avesse tagliato per primo il traguardo.

E siccome non esiste polemica che Jacques Villeneuve non cavalchi, ecco arrivare il pungente pensiero del canadese. “Sebastian ha guidato benissimo, è stato aggressivo e ha centrato l’obiettivo immediatamente allo start”, ha dichiarato ad Autosport. “Per capire invece cosa fosse in grado di fare la Mercedes bisogna guardare a Lewis. A Valtteri semplicemente è mancato il passo ed è stato davvero imbarazzante, soprattutto se si pensa che Ham, scattato dalla pit lane gli è arrivato appena tre secondi dietro. C’è poco da aggiungere, il livello dei due non è lo stesso. E’ stato così in tutto il campionato e ad Interlagos abbiamo avuto la dimostrazione che il finlandese è soltanto un buon numero 2″.

La versione di Vettel

Meno severo nel  giudizio sebbene un po’ sibillino visto che fa sorgere la questione del perché non abbia mai cercato di attaccarlo, è stato invece proprio il #5 della Ferrari, giunto alla bandiera a scacchi con un vantaggio di 2″7.

“Forse da fuori può essere sembrata una passeggiata, ma in realtà non è stato per nulla semplice  chiudere in testa. Sono stato costretto a spingere in continuazione e credo che sia stato lo stesso per Bottas. Dal muretto lo hanno invitato a mettermi pressione e lui lo ha fatto. Per questo ritengo che la partenza sia stata fondamentale. E’ giusto infatti riconoscere che in termini di velocità le Frecce d’Argento erano messe meglio”, ha affermato il tedesco, quasi certamente vice campione del mondo visto che ora in classifica conta 302 punti contro i 280 del diretto rivale di Stoccarda.

Chiara Rainis

 



Altre Notizie