Carlo Pernat: “Ducati di riferimento, Honda vive solo per Marquez”

MotoGP – Carlo Pernat (©Getty Images)

La gara di MotoGP  a Sepang ha rimandato un verdetto che sembrava, invece, imminente. Marc Marquez, infatti, non è ancora campione del mondo, ma il titolo per lui è davvero vicinissimo. I punti di vantaggio su Andrea Dovizioso sono 21, un bel bottino, se poi ci mettiamo che manca una sola gara e che quella gara è Valencia, un tracciato da sempre amico allo spagnolo, il mondiale sembra essere davvero una formalità.

Eppure Andrea Dovizioso ci crede. In Malesia è arrivata una splendida doppietta Ducati, ma in terra spagnola questo non basterà. Se l’italiano, infatti, vorrà laurearsi campione del mondo MotoGP avrà bisogno assoluto di un’altra vittoria e soprattutto di un clamoroso flop di Marc Marquez.

Yamaha piena di problemi

Carlo Pernat, famoso manager di piloti importanti come Andrea Iannone, attraverso il proprio profilo Facebook ha voluto dire la sua sulla gara: “Straordinaria doppietta Ducati in Malesia. Vincono le tre D: Ducati, Dovizioso e Dall’Igna. Una Ducati che è diventata la moto di riferimento visto che Honda vive per il solo Marquez e la Yamaha in questa stagione è piena di problemi”.

Pernat ha poi proseguito: “Dovizioso ha fatto un grande salto mentale, cosa che non aveva avuto durante la carriera. Credo che Andrea l’anno prossimo sarà ancora più forte e le 6 vittorie, tanto quante quelle portate a casa da Marquez, stanno a dimostrare che ormai è da considerarsi un top rider, che non ha nulla da invidiare a nessuno”.

Insomma il parere ormai è unanime, Andrea Dovizioso è ormai è entrato nella ristretta cerchia dei big di questo sport e l’anno prossimo darà ancora più battaglia per il titolo mondiale, ma per ora c’è ancora un campionato socchiuso da poter schiudere all’ultima gara, magari con un po’ di fortuna. Lui, Andrea, ci ha abituato in questa stagione a sognare, quindi perché smettere proprio ora.

Antonio Russo