Alonso: “Troppo semplice per la Mercedes. La McLaren cambierà tutto”

Fernando Alonso (©Getty Images)

Piccato come sempre e a tratti sapientone Fernando Alonso non si è smentito neppure al termine del GP del Messico, quando dopo aver salutato il successo iridato di Hamilton, più che elogiare le Frecce d’Argento ha denigrato la concorrenza, alias Ferrari e Red Bull, definendole in un certo senso inesistenti. Ma non solo, mostrando una certa fiducia nelle proprie abilità e in quelle della scuderia di Woking di risalire la china dopo una disastrosa collaborazione con la Honda, ha addirittura ipotizzato che nel 2018, ad insidiare i tedeschi saranno proprio loro, che in tutto finora hanno raccolto appena 24 punti.

“E’ stato molto semplice per la Mercedes quest’anno non avendo mai avuto rivali. Anzi, troppo facile. Almeno nel 2016 con Rosberg Lewis ha dovuto combattere fino alla fine e comunque in ogni singola gara. Il team ha vinto con quattro round d’anticipo la coppa costruttori, mentre Ham con tre quella piloti. Ma il campionato venturo la McLaren-Renault cambierà l’antifona”, ha dichiarato palesando un certo ottimismo.

Passando invece ad una corsa che lo ha visto chiudere al decimo posto, dopo un’intensa battaglia con il neo campione Alo ha affermato: “Nel complesso è stato un gran premio positivo. Alla fin fine sono partito ultimo e ho chiuso in zona top 10. Un target ottimo per noi al momento. Devo dire che ho avuto il passo non mi è mancato nel weekend. L’auto si è sempre comportata bene, si è dimostrata maneggevole e ben bilanciata per tutti i giri”.

Infine sul testa a testa con Hamilton per la nona posizione, vinto ovviamente dal driver di Stevenage, Alonso ha concluso: “Lui sa perfettamente quanto la McLaren sia forte in curva e in questa occasione ne ha avuto la conferma. La speranza è che la prossima stagione si possa battagliare un po’ più duramente con lui”.

Chiara Rainis