Crutchlow: “Piego meno di Marquez, io cado e lui no, non so il perché”

Cal Crutchlow (©Getty Images)

Cal Crutchlow veniva da una stagione davvero esaltante. Nel 2016, infatti, nonostante un inizio non brillantissimo si era portato a casa le sue prime due vittorie in MotoGP, in Repubblica Ceca e in Australia. Purtroppo però in questa stagione, almeno sinora, il britannico non è riuscito a replicare i buon risultati dell’anno passato. Anzi, è stato più volte protagonista di terribili scivolate.

In Australia è arrivato un buon 5° posto, mentre in Malesia, per ora, in qualifica, Cal Crutchlow si è dovuto accontentare solo di una 10a piazza, complice anche una caduta. Il pilota del Team LCR domani punta a fare una buona gara, anche perché, come dimostrato dalla pole di Pedrosa, le Honda su questa pista vanno forte.

Fiducia per la gara

Come riportato da “Paddock-GP”, Cal Crutchlow ha così commentato a margine delle qualifiche: “Sarà una gara difficile poiché le Yamaha sembrano avere più grip di noi. Dani però lavora bene. Il suo ritmo durante la FP4 è stato molto buono. Con Dovizioso è lui il migliore in queste condizioni di gara. Marquez cercherà di recuperare sugli altri. Sarà una corsa molto calda sotto tutti i punti di vista”.

Il britannico ha poi proseguito parlando della caduta: “Lo ammetto, è stata colpa mia. Avevamo messo il pneumatico duro e sapevamo che dovevamo stare attenti alle pieghe, in frenata però è migliore.  Ho piegato con 1° in più rispetto al solito e sono caduto. Marquez la prende con 4° in più e non cade, non so spiegarmelo e nessuno lo sa. Senza la scivolata sarei stato in prima fila, sono fiducioso per la gara”.

Antonio Russo