Per celebrare i sessant’anni della Fiat  500 è stata coniata un’apposita moneta in argento del valore nominale di 5 Euro. La moneta presenta su entrambe le facce l’inconfondibile profilo dell’emblema del design italiano. Per festeggiare il 60° compleanno della Fiat 500 l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha dedicato una moneta in argento emessa oggi dal Ministero dell’Economia e Finanze. La moneta, realizzata da Claudia Momoni, artista incisore della Zecca dello Stato, ha una tiratura di 4.000 pezzi per la versione “fior di conio”.

Sul dritto della moneta sono raffigurate, in prospettiva, la Fiat 500 del 1957 e la versione attuale, contornate dalla scritta “Repubblica Italiana”. Sul rovescio compare, di profilo, l’inconfondibile sagoma dello storico “cinquino“, insieme alle date 1957 e 2017 nel campo di sinistra, anno di produzione del primo modello Fiat 500 e anno di emissione della moneta e, immediatamente sotto, il valore “5 Euro”. Nel campo di destra figura un particolare del cruscotto interno della vettura e la lettera “R” che identifica la Zecca di Roma. Infine, nella parte inferiore, a sinistra, il nome dell’autrice e, al centro, il marchio Fiat 500, con un lettering che riproduce quello delle affissioni pubblicitarie del 1957. Si tratta di una vera e propria opera d’arte in miniatura, che celebra la realizzazione di un grande sogno di mobilità e libertà.

Questa moneta sarà un piccolo capolavoro di arte e storia ed è solo l’ultima tra le tante iniziative che hanno contribuito a festeggiare i sessant’anni di una vettura capace di migliorare la vita quotidiana di milioni di persone. La Fiat 500 ha accompagnato la ripresa economica, ha messo l’Italia su quattro ruote e poi l’ha esportata in tutto il mondo, tanto che oggi l’80% delle 500 è venduta fuori dall’Italia e la vettura è leader in Europa, prima in 8 paesi e sul podio in altri 6. Oggi la sua storia si arricchisce di un nuovo capitolo con una moneta dal grande valore simbolico, dedicata ai cultori della numismatica, agli appassionati della Fiat 500 e a chiunque desideri tenere sempre in tasca un autentico capolavoro italiano. Un oggetto che andrà sicuramente a ruba.