Marc Marquez fa l’alieno, la Honda è zero senza di lui

 

 

Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez si avvicina ad ampie falcate alla conquista del suo 6° titolo mondiale (4° in MotoGP). Lo spagnolo, nonostante i suoi 24 anni ha numeri impressionanti nel Motomondiale. Vanta, infatti, già: 61 vittorie, 101 podi e 72 pole. Risultati da urlo che tratteggiano un fenomeno assoluto di questo sport, che potenzialmente potrebbe stropicciare tutti i record attualmente in mano a Rossi, Agostini e Nieto.

A 24 anni Marc Marquez ha vinto già tutto quello che c’era da vincere e non sembra affatto domo. Il pilota della Honda, infatti, a differenza magari di qualche collega più amante della movida sembra essere un ragazzo casa e moto. Guai a parlargli di ragazze o di discoteca, il suo unico obiettivo, infatti, è quello di infilarsi il casco e correre.

La Yamaha sembra la moto migliore

Qualcuno naturalmente punta il dito sulla moto. La Honda storicamente è sempre stato uno dei marchi migliori, ma la realtà dice che volendo analizzare attentamente questa stagione, grandi meriti vanno attribuiti proprio a lui, a Marc Marquez. Prendiamo come esempio proprio il Gran Premio di ieri in Australia. Lo spagnolo ha vinto alla grande, ma le altre Honda?

Il suo compagno di squadra, Dani Pedrosa, ha chiuso con un mesto 12° posto e guardando la classifica, la prima della Honda che si trova è quella di Cal Crutchlow, che ha chiuso al 5° posto. Non certo risultati esaltanti, insomma. Anzi, le Honda sono apparse in grandissima difficoltà, tutte tranne una, proprio quella di Marc Marquez.

Qualcuno potrebbe attribuire la cosa a mera casualità, ma il dato disarmante si ripete anche nella graduatoria generale. Marc Marquez è leader del mondiale, ma per trovare Pedrosa bisogna scendere al 5° posto e per trovare ancora un’altra Honda bisogna arrivare sino al 9° posto di Crutchlow. La tanto criticata Yamaha, invece piazza Vinales e Rossi al 3° e 4° posto e Zarco al 6°, non molto distante da Pedrosa.

Meno bene va a Ducati, invece, che oltre l’exploit di Dovizioso, attualmente 2°, vede Lorenzo e Petrucci rispettivamente al 7° e 8° posto. Naturalmente in questo a stonare è soprattutto l’annata dello spagnolo, in fondo l’italiano della Pramac non ha certo disputato una brutta stagione. Insomma la Honda senza il buon Marc Marquez sembra essere davvero poca cosa e dati alla mano, nonostante le tante critiche, la migliore moto sembra essere proprio la Yamaha.

Antonio Russo