Le pagelle di Tuttomotoriweb.com: TOP e FLOP del GP d’Australia 2017

MotoGP – Jorge Lorenzo e Marc Marquez(©Getty Images)

Il Gran Premio d’Australia di MotoGP ha visto la rinascita delle Yamaha che ha piazzato sul podio entrambe le sue moto ufficiali, con un maestoso Valentino Rossi che ha tagliato il traguardo davanti a Vinales. L’assoluto protagonista a Phillip Island però è soprattutto Marc Marquez, che ha dato uno strattone al mondiale.

Pessima, infatti, la gara delle Ducati con Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo che si sono accontentati delle retrovie. A riprova della grandezza di Marc Marquez c’è da segnalare il pessimo piazzamento del compagno di squadra Dani Pedrosa. Questa Honda sembra andare forte solo con lui.

TOP

3. Maverick Vinales (Yamaha) – Il podio mancava dal Gran Premio di Gran Bretagna e fa tanto morale. La Yamaha sembra ancora lontana dall’essere quella moto perfetta che era ad inizio stagione. Lui lotta sta nel gruppone dei migliori sempre, ma si fa beffare dal buon vecchio Valentino Rossi. Nonostante questo ultimo neo è tra i migliori in Australia e apre la rincorsa al 2° posto nel mondiale attualmente in mano a Dovizioso. VOTO 8.5

2. Valentino Rossi (Yamaha) – Signore e signori oggi la Yamaha c’era (3 moto di Iwata nelle prime 4 posizioni), ma se hai 38 anni, 1 mese fa ti sei rotto una gamba e a fine giornata sei la migliore delle Yamaha allora davanti a questo spettacolo non puoi non toglierti il cappello. Non prendiamoci in giro, il Rossi che vinceva con 1 giro di distacco su tutti non esiste più, l’anagrafica si è accanita anche con lui, ma in Australia attacca come un 20enne e chiude 2° alle spalle dell’alieno Marquez. Lui è maestoso, ma guai a ricordargli che è a fine carriera. Il ragazzo vuole avere ancora margini di miglioramenti. VOTO 9

1. Marc Marquez (Honda) – Resta nel gruppo, gioca al gatto con il topo con gli avversari, poi si stanca e decide di vincere. Sembra avere il mondo tra le mani. La Honda va così forte solo con lui, sintomo di uno che è malato di un’acuta forma dell’essere un fuoriclasse. Da uno schiaffo a Dovizioso per il mondiale, lui ha solo 24 e i record del Motomondiale già tremano, lui è destinato a sbriciolarli tutti. VOTO 10

FLOP

3. Andrea Dovizioso (Ducati) – Cade con un tonfo sonoro nel momento sbagliato. La sua Ducati non è per niente competitiva, ma lui ci mette del suo commettendo un errore ad inizio gara. Perdere così tanti punti da Marquez in questo momento non ci voleva. La sua corsa è anonima e priva di spunti, cade in depressione insieme all’intero mondo Ducati proprio nel giorno in cui bisognava difendersi per non perdere troppi punti dall’alfiere della Honda. Persa una grande occasione. VOTO 5

2. Dani Pedrosa (Honda) – Non poteva non finire dietro la lavagna lo spagnolo. Il compagno di squadra vince e convince e fin qui è tutto normale. Poi però spulciando la classifica ti accorgi che Crutchlow ha chiuso al 5° posto, insomma, poche scuse, la sua prestazione è assolutamente da buttare. Chiude 13° lontano una vita dai big. Dopo un buon inizio di stagione è calato maledettamente, così non va. VOTO 4,5

1. Jorge Lorenzo (Ducati) – Durante il weekend parla tanto, forse troppo, “accusa” Dovizioso di non aver fatto alcuna vittoria netta in questa stagione, ma alla fine lui è protagonista di una gara pessima. Chiude 15° alle spalle sia di Dovizioso che di Abraham, che ha tra le mani una Ducati vecchia e priva di aggiornamenti. La sua stagione continua ad essere pessima, in Australia si esibisce in una delle prove più brutte dell’annata. Deve darsi una svegliata. VOTO 4

Antonio Russo