F1 Austin, Prove Libere 2: tempi e classifica finale

Lewis Hamilton (©Mercedes Twitter)

Dopo una prima sessione di libere sotto l’insegna di Lewis Hamilton si riparte per il secondo turno con un clima che sembra meno minaccioso.

Pronti via! Ed è subito McLaren, seguita dalla Haas e dalla Toro Rosso di Daniil Kvyat, nelle FP1 al muretto mentre Sean Gelael girava al suo posto

Testacoda per Romain Grosjean. Intanto Fernando Alonso è il primo a fermare il cronometro. Per lui un 1’39″023 su soft

Errore anche per l’altra Haas di Magnussen. Dopo 8′ Ocon passa in testa ma subito viene superato da Valtteri Bottas che con la sua Mercedes su gomme supersoft piazza un 1’36″976.

Grande movimento al vertice Ricciardo prende il comando grazie ad un 1’36″426. Alle sue spalle Kimi Raikkonen.

Qualche screzio tra i due piloti Haas. Magnussen ancora in mezzo alle critiche

Quando sono trascorsi una ventina di minuti Ricciardo si migliora con un 1’36″116. Apena dietro Verstappen, Hamilton e Raikkonen. Alonso 9° dopo un primo turno trascorso perlopiù ai box.

Uscita per Vettel! Il ferrarista va sulla ghiaia alla penultima curva, ma riesce a ripartire e rientrare ai box

Quando è trascorsa mezz’ora il tedesco è l’unico senza tempo. Intanto Bottas con le ultrasoft firma un 1’35″596.

Lewis Hamilton al top con un 1’34″668. Come il collega di box Bottas su ultramorbide.

Quando mancano 50′ Raikkonen sale in terza posizione. Anche il finnico della Ferrari è su mescola a banda viola. Con le ultrasoft Verstappen passa da 6° a 2°

A metà turno Vettel riesce piazzarsi terzo.

A 35′ dalla fine tutti su gomme viola tranne Sainz, 16°, e Grosjean, ultimo. Dopo una decina di minuti bloccaggio per Brendon Hartley che comunque si sta comportando bene nel suo esordio in F1. Il neozelandese è 16° davanti a Wehrlein, Hulkenberg, Ericsson e lo svizzero della Haas.

Al vertice contiuna ad esseri Hamilton seguito a tre decimi da Verstappen e a cinque da Vettel. Quarto Bottas, poi Ricciardo e Raikkonen. Bene Alonso, 7°, quindi Massa e le Force India di Perez e Ocon.

Quando mancano 17′ brivido per vandoorne che rischia di uscire.

Raikkonen ai box assieme ai meccanici per sistemare il sedile. Vettel invece comunica via radio di avvertire qualcosa di viscido nell’abitacolo.

Dalla Force India di Esteban Ocon si avverte uno strano rumore. Saranno degli accorgimenti per migliorare il suono del motore in vista del 2018?

Grande bagarre in pista per gli ultimi due minuti. Bandiera a scacchi! Lewis Hamilton precede Max Verstappen e Sebastian Vettel. Quarto Valtteri Bottas, a precedere Daniel Ricciardo e Kimi Raikkonen.