Phillip Island, Iannone: “Indimenticabile il gabbiano ucciso”

Andrea Iannone (©Getty Images)

Il quarto posto a Motegi infonde una gran dose di fiducia ad Andrea Iannone, che approda a Phillip Island dopo il suo miglior risultato stagionale. E’ stata una stagione difficile per il pilota di Vasto e il team Suzuki, che sono al lavoro per chiudere al meglio questo campionato e pianificare al meglio il 2018.

“Motegi è stato il miglior weekend di questa stagione per noi. Abbiamo sperimentato molti problemi quest’anno. Quando ho finito quarto a Motegi sono stato molto felice – ha spiegato Andrea Iannone -. Dopo tutto il lavoro di quest’anno durante i test, sono stato molto più felice dopo questo buon risultato. La situazione è ormai più chiara. Ma era una gara strana. L’intero fine settimana era bagnato. Quindi non so al momento in che misura il nostro potenziale è sull’asciutto. Ma credo in Suzuki e nei nostri miglioramenti. Abbiamo lavorato bene quest’anno. Non vedo l’ora che arrivi il 2018, perché abbiamo dimostrato molto impegno”.

Nel 2015 Andrea Iannone a Phillip Island conquistò il podio dopo aver travolto un gabbiano in pista. “L’anno scorso non sono stato qui perché ho avuto un problema alla schiena. Ma nel 2015 Marc, Jorge, Vale e io abbiamo mostrato una gara incredibile. Ho ucciso il gabbiano. Questa scena è indimenticabile”, ha spiegato il pilota Suzuki. “Ma adesso sono nel presente. Voglio sfruttare al meglio la mia Suzuki e combattere molto presto in cima. Io darò tutto, anche durante questo fine settimana”.