MotoGP, Mondiale finito per Jonas Folger

Jonas Folger (©Getty Images)

Jonas Folger dirà quasi certamente addio a questo Motomondiale 2017, dopo essere stato colpito dal virus di Epstein Barr. La malattia gli è stata diagnosticata alla vigilia del Gran Premio del Giappone, salterà sicuramente anche il prossimo week-end in Australia. Come preventivato giorni fa il futuro del pilota tedesco potrebbe essere ancora più incerto.

Yamaha Tech3 ha deciso di sostituirlo ancora una volta con un atleta locale. Sarà il 36enne Broc Parkes a sostituire Jonas Folger al Gran Premio di Phillip Island, dopo aver puntato sul giovane Kohta Nozane a Motegi. Il boss del team francese, Herve Poncharal, non mostra nessun ottimismo sulle condizioni di salute di Jonas Folger. “Dovremo accettare che Jonas non può guidare a Valencia”, ha confessato a Speedweek.com.

Il ciclista britannico Mark Cavendish per lo stesso problema è rimasto fuori tre mesi. “Il professionista di corsa britannico Mark Cavendish, che è stato tre mesi fuori nella primavera a causa di questa malattia, ci ha scritto una lunga lettera che ci rende molto premurosi – ha proseguito Poncharal -. Ha detto che se stai soffrendo di EBV, non puoi fare niente. Non puoi chiedere nulla al corpo. Non puoi nemmeno giocare con la Playstation”.

Herve Poncharal ha ottenuto informazioni dai responsabili dello staff di Jonas Folger, che non sono stati particolarmente incoraggianti. “Jonas è già crollato nell’ospedale di Aragón giovedì”, ha detto il boss francese. “Sia a Spielberg che a Silverstone mi ha detto che era malato. Non possiamo fare nessuna previsione. Adesso dobbiamo dare a Jonas l’opportunità di rilassarsi”.

Il suo posto in Australia sarà preso dal 35enne Broc Parkes, un altro membro della famiglia Yamaha, non nuovo alla MotoGP. Ha partecipato alla stagione 2014 con il team Paul Bird Motorsport, segnando un 11° piazzamento come miglior risultato e collezionando appena 9 punti. L’anno dopo fu wild card a Valencia per sostituire l’infortunato Alex de Angelis. La partecipazione al GP di Phillip Island è stata accolta come “un’occasione straordinaria per correre il GP a casa mia davanti a tutti i miei sostenitori, i fan e la famiglia”.