CONDIVIDI
 Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez non si smentisce mai e anche il weekend di Motegi lo ha iniziato con una caduta. Niente di nuovo sotto il sole, o per essere in linea con il meteo incontrato, la pioggia, dunque, visto che il pilota Honda dopo essere scivolato nel corso delle libere 2, ha concluso la giornata con un 1° e un 2° posto.

“E’ sempre importante cominciare bene in termini di sensazioni in sella. Negli anni scorsi non sono mai riuscito a trovare la quadra, ma questa volta, peraltro con l’acqua, posso dire di essere andato subito bene”. Le parole dell’iberico al termine dei due turni. “Al momento dell’highside stavo girando con un passo discreto, senza difficoltà a stare in traiettoria, tuttavia dopo aver cambiato le gomme non avevo più lo stesso grip di prima. Quello che mi è successo non capita spesso in MotoGp. Dunque in ottica gara dovremo lavorare di più sull’elettronica, in modo che non si ripeta”. Il #93 ha quindi espresso la sua idea sul favorito dell’occasione. “Nel complesso il ritmo di Jorge Lorenzo mi è sembra il migliore. Inoltre avrà l’opportunità di correre qualche rischio in più. Comunque sia io, sia Dovizioso siamo lì. Come detto sono contento di aver avuto un buon feedback sin dalle prime tornate”.

E in una breve parentesi relativa agli pneumatici wet  ha rivelato: “Ho sempre utilizzato quelli usati, in modo che me ne resta uno in più qualora dovesse fare brutto anche nelle prossime sessioni”.

Infine su presunti ordini di scuderia in HRC o in Ducati Marquez ha puntualizzato: “Non so se ce ne saranno. Io spero di no. Logicamente in un team quando ci si sta giocando il mondiale si fa di tutto per aggiudicarselo. Per quanto mi riguarda mi auguro di non dover chiedere aiuto a nessuno. Vorrei dipendere soltanto da me stesso. In fin dei conti sono il leader della classifica. Tutto è molto aperto, di conseguenza starà a me darmi da fare nel box”.