CONDIVIDI
Cal Crutchlow (Instagram)

Cal Crutchlow non sta disputando di certo una stagione da ricordare. Dopo un 2016 fantastico, coronato anche da 2 successi, nel 2017, sinora è arrivato un solo podio alla seconda gara in Argentina, poi qualche buon piazzamento e tante cadute. Anche ad Aragon è arrivato l’ennesimo ritiro. Motegi resta una delle ultime spiagge sulla quale far brillare ancora il sole per il britannico.

Come riportato da “Speedweek”, Cal Crutchlow ha così dichiarato alla fine delle prove libere: “Penso che la posizione non dice molto della nostra effettiva velocità. Posso guidare in maniera costante e veloce. L’unico problema è che ero in ritardo con il cambio pneumatici, ma mi piace qui. Non c’è un vero problema e credo che regolando alcune cose possiamo essere competitivi”.

Crutchlow non si lamenta

Il britannico è tornato poi a parlare dello scontro con Lorenzo: “Mi è dispiaciuto per lui, in ogni caso anche lui guidava lentamente lungo la traiettoria ideali. Forse sembrava che corresse, ma in realtà quando ho frenato lui mi ha visto arrivare, si è voltato due volte, inoltre era più lento di 6 secondi rispetto al giro precedente. In ogni caso l’ho rovesciato e l’ho portato via. Questo non va bene, ma la cosa positiva è che entrambi stiamo bene, l’incidente è stato violento e naturalmente non volevo accadesse”.

Poi Cal Crutchlow ha così concluso: “Quando siamo caduti la sua moto era su di me. La mia speranza era che avrebbe fatto un errore, magari se fosse andato lungo non ci saremmo presi. Per Jorge è stata davvero una gran sfortuna, ha colpito il mio braccio, ma non è un problema, non posso lamentarmi”.

Antonio Russo

bang hohey @jorgelorenzo99 diseruduk papi Willow @calcrutchlow #JapaneseGP #JL99 #Crash #KeepPushing #KeepFighting

Un post condiviso da محمد (@mridhopratama_) in data: