Motegi, Marc Marquez: “Mi sento bene in ogni condizione”

photo Twitter

Marc Marquez, leader del Mondiale MotoGp, è il primo a prendere la parola nella conferenza stampa alla vigilia del GP di Motegi. Una vittoria potrebbe non bastare per confermarsi matematicamente campione del mondo nonostante i 16 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso. La vittoria iridata potrebbe però giungere fra una settimana a Phillip Island. Il maltempo in agguato potrebbe giocare a suo favore, viste le difficoltà della Yamaha sul bagnato in questa stagione.

Il Giappone riporta alla mente il grande trionfo del 2016. “L’ultima volta qui a Motegi è stato fantastico, abbiamo vinto la gara e il campionato davanti al nostro capo della Honda. Fu qualcosa di grandioso – ha detto Marc Marquez -. Quest’anno arriviamo dopo una bella gara a Misano e ad Aragon,ma qui non si può mai sapere. Le condizioni meteo saranno instabili ed è un circuito che mi piace, ma per qualche motivo ho faticato un po’ di più, anche se l’anno scorso ero molto forte e mi sono sentito a mio agio. Mi aspetto di partire con il piede giusto già dal venerdì, cercando di mantenere un buon livello in ogni condizione per salire sul podio domenica”.

Difficle fare pronostici sui principali avversari del week-end. “Si arriva qua senza sapere chi sarà il tuo avversario, se Dani, Lorenzo, valentino o i due che si giocano il campionato con me. Bisogna lavorare nel tuo box, cercando di trovare la miglior base per la gara. Poi bisogna vedere a che livello si può lottare – ha aggiunto il campione della Repsol Honda -, perchè 5 gradi  di temperatura possono cambiare l’assetto della moto. In ogni caso mi sento bene con la moto in ogni condizione”.

Dopo due vittorie consecutive Marc Marquez sembra il favorito per la vittoria qui a Motegi. “Gli ultimi risultati sono stati piuttosto positivi, ma bisogna sempre tener conto  che ogni gara è diversa, bisogna mantenere sempre la stessa mentalità e lo stesso tipo di lavoro, perchè rimangono ancora quattro gare e queste tre (Giappone, Australia e Malesia) sono molto importanti”. Cosa le mancherà in queste tre settimane lontane da casa? “La buona cucina di mia mamma”.

 

 



Altre Notizie