Robert Kubica rifiuta l’offerta Toro Rosso per l’assicurazione

Robert Kubica (©Getty Images)

Una mera questione di denaro. Questa, a quanto pare, sarebbe la ragione per cui difficilmente vedremo Robert Kubica al volante della Toro Rosso in occasione del prossimo GP del Texas. Come gli appassionati di F1 sapranno le ultime settimane della scuderia di Faenza sono state pregne di avvenimenti e stravolgimenti, a partire dalla sostituzione di Daniil Kvyat con Pierre Gasly alla viglia del gran premio della Malesia, per finire con l’annuncio shock durante il weekend del Giappone del ritorno del russo dal round di Austin e del conseguente passaggio di Carlos Sainz alla Renault.

Insomma, grandi movimenti in termini di formazione in corso d’opera come non si vedevano da tempo nel Circus. Ma non fosse abbastanza, ad aggiungere pepe si è aggiunta la vicenda del giovane francese appena reclutato, che già ad Austin potrebbe dichiarare forfait per prendere parte all’ultimo appuntamento della Super Formula nipponica in scena a Suzuka, serie che lo vede favorito assoluto per il titolo.

Ecco dunque partire il toto volante, in quanto per forza di cose il team junior della Red Bull dovrà trovare una soluzione. Così accanto a nomi alieni al mondo del Circus, si è fatto sempre più insistente quello del driver di Cracovia, a breve protagonista di un test con la Williams.

Ma dopo un gran chiacchierare il castello è crollato scoprendo l’altarino. L’ex Renault sarebbe frenato dall’accettare la proposta del gruppo energetico da una cospicua assicurazione sulla vita che sfumerebbe nel nulla qualora dovesse partecipare anche ad una sola gara di F1 senza contratto.

“Robert si merita una chance. Avendo corso con lui lo so bene, tuttavia tuffasi in acque sconosciute su una macchina mai provata prima potrebbe rivelarsi fallimentare. A Grove invece mi sembra si sia creata una buona opportunità”. Ha tentato di trovare una giustificazione del rifiuto il suo manager Nico Rosberg.

Chiara Rainis