Paolo Ciabatti: “La Superbike è per chi non può permettersi la MotoGP”

MotoGP – Paolo Ciabatti (©Getty Images)

In casa Ducati Paolo Ciabatti ricopre il ruolo di direttore sportivo, ma per anni è stato a capo della gestione del Campionato Superbike. Attualmente la moto di Borgo Panigale è tra le migliori in pista, seconda solo alla Kawasaki di Rea, che anche in questa stagione non ha avuto rivali credibili per il mondiale.

Come riportato da “Speedweek.com”, Paolo Ciabatti in merito alla Superbike ha così dichiarato: “Il mondo è abbastanza grande per entrambi. Prima c’era concorrenza tra i due campionati perché venivano gestiti da società diverse, oggi entrambi hanno lo stesso proprietario. Ora è importante capire come far crescere la Superbike, magari bisogna evitare lunghe pause. La Superbike esiste per permettere la partecipazione a quei marchi come Kawasaki ed MV Agusta che non hanno le risorse per investire in MotoGP“.

Maggiore competitività in Superbike

il dirigente Ducati ha poi proseguito: “Ci vogliono più team competitivi in Superbike, quest’anno Yamaha ha fatto progressi e Honda è arrivata troppo tardi, ma cresceranno. La Superbike è perfetta per quei paesi che non si possono permettere la MotoGP e gli stessi piloti qui possono costruirsi una buona carriera”.

Paolo Ciabatti ha infine concluso: “La Dorna non vuole far competere tra loro i due campionati, sarebbe stupido. Bisogna far crescere la MotoGP, allo stesso tempo senza sminuire la Superbike. Questo campionato è il secondo più grande dopo la MotoGP. Ducati è interessata al campionato Superbike, ma vogliamo una buona copertura televisiva e tanti spettatori sugli spalti, purtroppo quest’ultima cosa non sempre l’abbiamo vista”.

Attualmente la Ducati ha raggiunto un buon livello di competitività in entrambi i campionati. La visibilità della Superbike e della MotoGP sta sicuramente dando una buona spinta alle vendite di un marchio che resta un orgoglio italiano nonostante la proprietà tedesca.

Antonio Russo