MotoGP, Dani Pedrosa: “Curioso di provare un’altra moto”

Dani Pedrosa (©Getty Images)

Dani Pedrosa ha provato a dare una sterzata alla sua carriera dopo 12 stagioni in MotoGP, sempre nel box della Honda. L’arrivo di Sete Gibernau in veste di coach ha portato i primi buoni frutti, a cominciare dall’atmosfera e dalla mentalità. “Ho cercato di migliorare in molti modi rispetto agli ultimi anni, a cominciare dall’approccio di una gara. Sto cercando di essere più positivo, non gettare la spugna troppo presto – ha detto a Motogp.com -. Se ti fidi nel tuo corpo sei più sicuro e motivato”.

Sete Gibernau ha cercato di migliorare soprattutto l’umore di Dani Pedrosa, proteggendolo dalle distrazioni. “È meglio essere circondati da un gruppo, in modo da potersi concentrare meglio sulla gara – ha spiegato il pilota spagnolo -. Voglio godermi la gara, la concorrenza è feroce, è importante stare bene, solo allora si può dare il massimo”.

La costanza dei risultati gli ha concesso di piazzarsi al quarto posto in classifica, forte anche dell’infortunio di Valentino Rossi costatogli una gara di stop a Misano. “La passione per il motociclismo e la competizione sono due fattori importanti. La MotoGP è una buona piattaforma per imparare di più su di me, sono appassionato di cose nuove, mi ricorda la mia infanzia, mi rende felice e mi motiva, anche se mi fermo ad un certo punto. Vorrei continuare ad imparare le cose”.

Il bilancio stagionale è alquanto positivo, soprattutto privo di infortuni. “Le stagioni precedenti erano tra alti e bassi”, ha spiegato il veterano a Motorsport.com. “Al contrario, quest’anno siamo stati molto più costanti, ma è vero che il campionato è cambiato. Con questo tipo di pneumatici e la nuova elettronica, il livello medio della concorrenza è aumentato. Ora sono in grado di controllare meglio la situazione, in alcuni momenti, specialmente nei più difficili”.

Avere un forte compagno di squadra come Marc Marquez rende la vita difficile a chiunque. “Le cose positive: è molto competitivo e molto ambizioso, è un riferimento – ha aggiunto Dani Pedrosa -. Idem le cose negative, perché devi combattere contro di lui e talvolta è molto difficile. Ma a parte questo, mi piace la competizione e non ho mai pensato di avere qualcuno che digiuna nell’altro lato della scatola”.

Dopo 17 anni nel Motomondiale sempre in sella alla Honda non gli è mai balzato in mente di cambiare aria. Anche se l’idea sembra incuriosire l’età non gioca forse a suo favore. “A volte balza la curiosità e desideri provare qualcosa di diverso per ottenere nuove informazioni. A parte questo, sono sempre stato felice in questa squadra”.

L.C.