F1 GP Giappone, Prove Libere 1: tempi e classifica finale

Sebastian Vettel (©Ferrari Twitter)

Un clima fresco e con pericolo di pioggia ha parto il weekend di Suzuka della F1

Al semaforo verde sono la Toro Rosso di Carlos Sainz, la Ferrari di Sebastian Vettel, la Renault di Jolyon Palmer e la Sauber ad aprire le danze.

E’ Lewis Hamilton su Mercedes però il primo a fermare il cronometro sull’1’31″072

In pista gomme soft e supersoft e lavoro un po’ per tutti di aerodinamica con griglie e pittura.

Dopo circa 30′ E’ Daniel Ricciardo su Red Bull a passare avanti con un 1’29″541 su supersoft molto vicino al record del circuito firmato da Raikkonen nel 2005

Brivido per Max Verstappen alla Spoon. Per lui anche noie al sistema di recupero

Lewis Hamilton scalza Daniel dal top grazie ad un 1’29″377. Alle spalle dell’inglese staccato di 42 millesimi Vettel.

A metà sessione Iceman si lamenta per instabilità del posteriore

Bandiera rossa a 39′! Carlos Sainz fermo in centro pista attorniato dai detriti all’uscita dalla Spoon Curve

Dopo aver già fatto la sua apparizione in alcuni tratti la minaccia pioggia diventa più pericolosa

Quando mancano 22′ alla bandiera a scacchi si riparte. Per quanto riguarda il fonod gruppo le solite Sauber di Werhlein ed Ericsson chiudono precedute dalla STR12 di Gasly. Da sottolineare la piazza 7 di Hulkenberg su Renault seguito dalle McLaren. Decimo Magnussen con la Haas, a lungo al box per un problema al motore

La Ferrari di Seb subito al top con 1’29″166. Tutti i piloti hanno segnato il loro tempo con le supermorbide

La Pirelli conferma che gli ultimi minuti saranno caratterizzati da una leggera pioggia.

A 4′ Ocon su Force India e Grosjean su Haas scalzano dalla top 10 Vandoorne e Magnussen. In questo turno la scuderia di Vijay Mallya ha provato un nuovo monkey seat

Acqua più consistente tutti rientrano.

Bandiera a scacchi! Sebastian Vettel davanti a Lewis Hamilton e Daniel Ricciardo. Quarto Kimi Raikkonen, poi Bottas e Verstappen.