Steiner: “Alonso si irrita quando qualcuno riesce a batterlo”

Fernando Alonso (©Getty Images)

Non esiste manger della F1 di questi giorni più impegnato di Gunther Steiner a difendere i propri piloti. Una volta per le intemperanze di Grosjean, un’altra per la guida aggressiva di Magnussen, il meranese della Haas, quasi ogni fine gara si trova a doversi trasformare in avvocato davanti ai media.
Ricorderanno tutti il suo intervento non esattamente gentile nei confronti di Hulkenberg  in Ungheria, quando il tedesco aveva spinto Romain fuori dal tracciato in un tentativo di sorpasso e in seguito era stato protagonista di un diverbio a favore di tv con Kevin, eletto da lui come il “più scorretto dello schieramento”. Accuse a cui tra l’altro il danese aveva risposto con un “succhiami le p***e” diventato virale.

Domenica scorsa, al termine del GP della Malesia, il 52enne si è trovato costretto ad intervenire di nuovo. Le ragioni? Il ruota a ruota tra Alonso e il solito Magnussen, terminato con un Fernando, alterato e urlante via radio: “Che idiota! Ha ragione Nico”. Sfogo proseguito parlando con la stampa a cui ha detto:”è 1 contro 19. Tutti più o meno sono d’accordo con quella definizione”.

“Fernando è un ragazzo carismatico e un pilota capace. Per cui se qualcuno prova a contrastarlo, lui reagisce così”. La dichiarazione di Steiner all’Ekstra Bladet. “A mio avviso entrambi hanno sfiorato il limite, ma alla fine è quello che la gente desidera vedere”. Nonostante una reputazione da diavoletto il boss del muretto americano ha sollecitato il #20 a continuare così. “Bisogna saper superare i momenti difficili e guadagnarsi il rispetto. Se ad ogni occasione ci si sposta per lasciar passare, l’avversario penserà di poterti calpestare. Di conseguenza ben vengano i duelli accesi purché non si finisca per strafare o diventare “arroganti”. Quindi, ok, se per ora non è ben visto, più avanti le cose potranno cambiare”. La sua conclusione.

Chiara Rainis