Verstappen: “Sorpreso dalla vittoria, ma sapevo di avere il passo”

Max Verstappen (©Getty images)

Non poteva esserci un compleanno più dolce per Max Verstappen. L’olandese della Red Bull, appena diventato ventenne, ha avuto una partenza micidiale e dopo aver lasciato andare per tre giri Lewis Hamilton, al quarto ha deciso che era giunto il momento di dare la zampata e portarsi così a casa l’ultima edizione del GP della Malesia. Dal sorpasso infatti per lui è stata corsa solitaria, ma non solo. Nessuno si è dimostrato in grado neppure di avvicinarsi ai suoi tempi, visto che ha a dir poco monopolizzato le tornate veloci.

“E’ stata una gara positiva”, ha confidato alla fine. “Per quanto riguarda la manovra su Ham, pur sapendo che si sta giocando il mondiale, ho optato per prendere l’interno e quindi rischiare maggiormente. D’altronde era l’unico modo ed è andata bene. Per il resto ho guardato poco agli altri. Mi sono soltanto concentrato sul mio passo e le gomme e alla fine sono riuscito a tenere a bada la Mercedes”.

“Sinceramente non mi aspettavo un risultato del genere, tuttavia sin dal venerdì la nostra macchina è apparsa  competitiva. Eravamo consapevoli che in qualifica le Frecce d’Argento avrebbero avuto la meglio, mentre in corsa saremmo stati più forti.  Diciamo che ho saputo gestire bene le gomme e da quando sono passato primo è filato tutto liscio”. Ha proseguito nell’analisi il #33.

Quindi interrogato sul problema tecnico che ha tolto dai giochi Kimi Raikkonen ancora prima di cominciare Max ha detto: “In effetti è stato un bel regalo per me. Un avversario di meno che mi aiutato ad ottenere questo successo. Considerata la performance di Vettel, immagino che non sarebbe stato facile con lui in corsaE. E sul prosieguo della stagione ha affermato: “Bisogna prendere round per round. Oggi è andata così, ma è difficile sapere se saremmo altrettanto bravi a Suzuka. Ciò che mi conforta è che finalmente si è spezzata la scia di sfortuna. Finora il mio è stato un campionato da dimenticare”.

Infine sulle sensazioni provate una volta tagliato il traguardo ha concluso: “Non sono state forti come quelle che provavo quando correvo nei kart. E’ comunque sempre bello vincere. Rispetto invece al centro ottenuto in Spagna me lo aspettavo un po’ di più. Allora l’auto non era al top, quindi era stata una vera sorpresa”.

Chiara Rainis