Johann Zarco: “Il prossimo passo è vincere in MotoGP”

Johann Zarco
Johann Zarco (©Getty Images)

Johann Zarco dopo due titoli mondiali Moto2 conquistati consecutivamente è approdato in MotoGP e finora ha dimostrato di poterci stare. Il 27enne francese con la Yamaha del team Tech3 ha evidenziato un buon livello di competitività.

Nella classe regina del Motomondiale ci sono diversi campioni con cui confrontarsi e dai quali apprendere. In questo 2017 Zarco è risulta essere il migliore rookie e l’anno prossimo spera di poter fare un ulteriore salto di qualità. Ovviamente guidare la moto di una squadra clienti è diverso rispetto a correre per un team ufficiale, però può comunque migliorare i risultati ottenuti in questa stagione.

Il suo contratto con la struttura di Hervé Poncharal scade nel 2018, come quello di tanti altri rider, compresi i top. Il prossimo anno diventa fondamentale per chi spera nel 2019 di trovare una sistemazione migliore. Per Zarco, ad esempio, potrebbe spalancarsi la porta di un ingaggio nel team ufficiale Yamaha, se Valentino Rossi si ritirerà. La casa di Iwata lo tiene d’occhio e lui sa di non dover deludere.

Johann Zarco vuole trionfare in MotoGP

Johann, comunque, ha le idee chiare per il future e lo ha spiegato al sito ufficiale MotoGP: “Il passo successivo è la vittoria per poter sentire la Marsigliese nella classe MotoGP. All’inizio della stagione non mi aspettavo un podio. Se sei un pilota, è esattamente dove vuoi essere”. Il francese, che è arrivato secondo a Le Mans di fronte al proprio pubblico, sogna di vincere nella classe regina.

Il pilota del team Tech3 è convinto di poter essere da podio nelle giuste condizioni e sta imparando di gara in gara a gestire meglio la sua Yamaha, anche se nelle ultime corse tra Misano e Aragon c’è sta una flessione di risultati: “Sapevo che la moto era abbastanza buona per il podio. So che posso metterla sul podio se ho tutto sotto controllo. Ora posso affrontare la velocità e la potenza, che era difficile all’inizio. Il telaio e le gomme sono fatti per entrare nelle curve con molta velocità. Questa è sempre una piccola sorpresa e dà la necessaria adrenalina. Dopo una giornata di corsa sei molto stanco, ma dopo qualche giorno vuoi tornare sulla moto. È una bella sensazione”.

Nelle ultime quattro gare di questo campionato MotoGP certamente proverà a mantenere la sesta posizione in classifica, che occupa con 117 punti. A quota 106 c’è Jorge Lorenzo, determinato a scavalcarlo. Un po’ più indietro Danilo Petrucci (95) e Cal Crutchlow (92). Se il francese dovesse chiudere settimo, sarebbe comunque un buon risultato. Sarebbe il primo dietro ai migliori piloti della top class. Il “primo degli altri” come si suol dire.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)