Sebastian Vettel: “Non ho fatto errori”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

Sebastian Vettel vuole riprendersi quel mondiale, che nelle ultime due gare gli è stato sfilato dalle mani da Lewis Hamilton. Il tedesco vuole a tutti i costi riscattare la deludente prestazione fatta registrare a Singapore dove la Ferrari è stata protagonista di qualcosa di clamoroso. Alla partenza, infatti, grazie ad un ottimo scatto di Raikkonen, Verstappen si è ritrovato chiuso tra le due  Rosse e da qui ne è scaturito un incidente a catena che ha messo fuori gioco le due monoposto di Maranello.

Sebastian Vettel a margine di questo nuovo weekend di gara ha così dichiarato: “Voltiamo pagina. Nessuno di noi tre era felice, non credo ci sia molto da dire e valutare su Singapore. Non siamo contenti delle ultime gare, ma siamo stati forti tutta la stagione. A Monza la Mercedes era molto forte ed è andata così. A Singapore, invece, non abbiamo proprio corso”.

Vettel felice della reazione Ferrari

Il tedesco ha poi parlato anche di avere in futuro come compagno di squadra proprio Verstappen: “Bisogna essere pronti a correre con chiunque. Max è giovanissimo, inutile guardare troppo in là. Al momento nella squadra siamo sereni, sappiamo già cosa accadrà il prossimo anno”.

Sebastian Vettel ha poi parlato anche di Leclerc: “Ha lavorato tanto in questa stagione e tra alti e bassi ha dimostrato di essere molto veloce. Non ha bisogno di consigli da me, fa quello che fa con divertimento e questa è la chiave di tutto”.

L’ex Red Bull ha parlato anche della reazione del team dopo Singapore e si è detto felice di aver visto una Ferrari già pronta a lavorare per le ultime gare con entusiasmo, poi ha continuato: “Con la macchina non abbiamo problemi, io grossi errori non ne ho fatti. Non abbiamo concluso una gara e Hamilton ha fatto molti punti”.

Infine, Sebastian Vettel ha così concluso: “Il ricordo più bello qui è la prima vittoria in Ferrari, anche il 2013 è stato speciale. Non dobbiamo affidarci ai problemi degli altri, ci sono tante gare”.

Antonio Russo