Andrea Iannone: “Nel 2018 faremo un grande passo avanti”

Andrea Iannone nel test di Aragon (photo Suzuki Ecstar)

Il Team Suzuki ha completato le ultime due giornate di test a disposizione per la stagione 2017. Sul circuito di Aragon Andrea Iannone e Alex Rins hanno beneficiato del clima mite per testare nuove componenti in vista della stagione 2018. Il pilota di Vasto ha messo a segno 170 giri, lo spagnolo 142.

Dopo un campionato sottotono la casa di Hamamatsu inizia a spianare la strada per il futuro prossimo. Il lavoro ai box si è concentrato soprattutto su un nuovo telaio, mettendo a fuoco le comparazioni con quello 2017. “Siamo soddisfatti di questi due giorni perché è importante trovare un po’ di tempo, lontano dalla pressione, per tornare su alcune cose che abbiamo già provato e per provare nuovi miglioramenti”, ha spiegato Davide Brivio.

La due giorni di Aragon è servita anche per provare nuovi asseti e componenti sulla GSX-RR 2017, così da tentare di chiudere il campionato con maggior fiducia. Il lavoro in ottica 2018 verrà invece ripreso nei test collettivi a Valencia subito dopo l’ultima gara in programma a metà novembre. “Non sarà una moto nuova ma un’evoluzione dell’attuale GSX-RR. Qui in Aragona abbiamo fatto il nostro primo test su alcune cose nuove e siamo stati in grado di dare importanti risposte agli ingegneri – ha proseguito il team manager del Team Suzuki -. Direi che abbiamo lavorato con un occhio alla fine di questa stagione e l’altra verso l’anno prossimo. Naturalmente, questi test sono molto importanti per i piloti”.

Andrea Iannone ha deciso di proseguire la sua avventura con la casa nipponica e confida nel buon lavoro degli ingegneri Suzuki. I settori cui porre subito rimedio sono la frenata e il consumo della gomma posteriore. “Dobbiamo gestire queste quattro gare nel miglior modo possibile e poi partire da zero a Valencia. Gli ingegneri in Giappone sanno quali sono i nostri problemi e sono sicuro che il prossimo anno faremo un grande passo avanti”.

Luigi Ciamburro