Maio Meregalli “Rientro di Rossi? E’ una sua decisione”

Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi è più veloce dei tempi di guarigione, ha deciso di rischiare ad Aragon e sarà in pista per le FP1 del venerdì. Dopo la prima sessione in sella alla sua YZR-M1 deciderà se proseguire o lasciare spazio all’esordio del sostituto designato Michael van der Mark.

Massimo Meregalli, team manager Yamaha, ha assicurato che da Iwata non c’è stata nessuna pressione e che si tratta della sola decisione di Valentino Rossi.  “Lo dico sinceramente: ormai Valentino non mi sorprende più”, ha detto a ‘La Gazzetta dello Sport’. Presente al mini test privato del lunedì ha visto con i suoi occhi la ripresa del pesarese a meno di tre settimane dall’intervento chirurgico per risanare le fratture a tibia e perone.

Inizialmente i medici avevano ipotizzano un periodo di guarigione di almeno 40 giorni, ma pare che Dottore abbia trovato la via rapida per la guarigione. “Anche parlando con il dottore che lo ha operato, si era ipotizzato Motegi. Poi però al telefono l’ho sentito sempre meglio ed ho cominciato a credere che potesse anticipare il rientro”, ha aggiunto Maio Meregalli. “E’ una sua decisione. Se l’ha presa, significa che ce la può fare. Sono convinto che non tornerà solo per girare, ma perché si sente competitivo”.

Questo pomeriggio verso le 14 dovrà superare il primo controllo medico da parte del medico del circuito di Aragon. Se gli verrà concesso il via libera sarà tutto nelle mani di Rossi. “Se supererà le visite mediche farà la FP1: solo dopo il primo turno saprà le sue condizioni – ha concluso il team manager -. Poi deciderà. Anche in questo caso, Yamaha non spingerà per una o per l’altra scelta”.