Jorge Lorenzo: “Recupero di Rossi? Può ancora credere nel mondiale”

Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo non sta disputando di certo una stagione esaltante, ma è carico in vista dell’ennesimo Gran Premio di casa della stagione. Aragon però segna anche l’inaspettato ritorno alle gare da parte del suo acerrimo rivale Valentino Rossi e lo spagnolo non si sottrae a parlare proprio del suo ormai ex compagno di team.

Come riportato da “Marca.com”, Jorge Lorenzo in merito alla questione Rossi ha così dichiarato: “Ogni infortunio è diverso e ogni corpo guarisce in maniera diversa. Solo lui conosce tutto. Certo 18 giorni per quel tipo di infortunio sono un tempo davvero molto breve. Questo sport non è come il calcio o l’atletica e un pilota, anche con le gambe malconce è in grado di cogliere un buon risultato”.

Lorenzo spera in un buon weekend

Lo spagnolo ha poi proseguito: “Rossi ha tanta esperienza e velocità. Lui è tornato perché finché l’aritmetica non ti mette fuori dalla corsa mondiale ci devi credere sempre. Valentino ha provato una moto stradale e si è sentito bene, quindi avrà pensato perché non correre a questo punto”.

Jorge Lorenzo ha anche parlato di possibili parallelismi tra il suo infortunio ad Assen nel 2013 e questo di Rossi: “Sono infortuni diversi, in un certo senso la clavicola può essere il miglior osso da rompersi per chi corre in moto. Assen è stato qualcosa di speciale, ma quello che ha fatto Rossi è davvero incredibile”.

Il pilota della Ducati ha poi continuato: “Sono molto curioso di capire se la Ducati sarà competitiva su questa pista. Una risposta l’avremo solo domani e sabato. Sembra che domani pioverà, quindi sarà complicato trarre delle conclusioni soddisfacenti”.

Infine Jorge Lorenzo ha parlato anche dei recenti test di Stoner con la Ducati: “Non ho parlato con Michele e neanche con Stoner. In ogni caso hanno provato poche novità”.

Antonio Russo