Valentino Rossi c’è: “Ci vediamo ad Aragon!”

Valentino Rossi (©Getty Images)

Il team Movistar Yamaha MotoGP arriva in Spagna con una grande sorpresa: Valentino Rossi prenderà parte alle prime prove libere del GP d’Aragona a tre settimane dall’infortunio alla gamba destra, costatogli la frattura di tibia e perone.

Il Dottore ha effettuato i primi giri sul circuito di Misano tra lunedì e martedì, prima di sottoporsi ad un esame medico nella giornata di mercoledì. Dopo il check-up il pesarese ha deciso di involarsi verso Aragon per tentare di prendere parte alla gara, anche se prima dovrà superare l’esame medico da parte dei medici del circuito, che dovranno attestare la sua idoneità.

Nonostante l’assenza a San Marino Valentino Rossi conserva il 4° posto in classifica a -42 dai due leader Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Van der Mark resterà a disposizione nel caso sia ritenuto non idoneo a scendere in pista. “La squadra non vede l’ora di accogliere Valentino e il suo equipaggio ai box”, ha detto Maio Meregalli, presente lunedì pomeriggio al test privato a Misano.

“Fortunatamente, ieri ho avuto una buona prova con la mia YZF-R1M a Misano – ha dichiarato Valentino Rossi -. Ho provato anche il giorno prima, ma la pioggia mi ha fermato dopo qualche giro. Ieri sono riuscito a completare 20 giri e trovare le risposte che stavo cercando. Alla fine il test è stato positivo e voglio ringraziare il dottor Lucidi e il suo staff, che mi hanno aiutato a trovare le soluzioni migliori per sentire il minimo dolore possibile alla gamba quando sto guidando”.

Le condizioni non sono ottimali, ma Valentino Rossi vuole esserci a tutti i costi. “Ovviamente alla fine della prova ho avuto un po’ di dolore, ma questa mattina sono andato dal dottor Pascarella per un controllo medico, ed è venuto fuori un risultato positivo. Alla fine ho deciso di partire per Aragón e cercherò di guidare la mia M1 questo fine settimana. Se sarò dichiarato idoneo a correre, avrò la vera risposta dopo le prime prove, perché guidare la M1 sarà una sfida molto più grande. Vedremo – ha concluso il campione di Tavullia -. Ci vediamo in Aragona!”.