Nessuna punizione per Vettel. Papà Verstappen sospetta caso “politico”

Max Verstappen e suo padre Jos (©Getty Images)

L’incidente alla partenza del GP di Singapore ha sollevato non pochi commenti. A finire fuori pista sia le Ferrari di Vettel e Raikkonen, sia la Red Bull di Verstappen , sia la McLaren di Fernando Alonso. Jos Verstappen, papà del pilota olandese, ritiene che Seb meritasse una punizione per la sua manovra azzardata e solleva da ogni responsabilità suo figlio.

“Quando guardi attentamente le immagini, Raikkonen si avvicina a destra e vede come si muove Vettel a sinistra – riporta Motorsport-Total.com -. Max è proprio nel mezzo, non può andare né a sinistra né a destra”. Prima che i commissari decidessero di non punire nessuno l’ex pilota aveva invocato una punizione per Vettel. Ma dopo la decisione Jos Verstappen vede un caso “politico” dietro la scelta FIA. “Se lui avesse ricevuto una penalità, allora avrebbero dovuto bloccarlo per una gara. Quindi potrebbe essere un gioco politico e non penso sia giusto”.

Sebastian Vettel ha attualmente sette punti di penalità sul suo conto. A dodici è previsto l’annullamento di una gara. Inoltre, il tedesco, dopo il Gran Premio della Malesia a Sepang, si vedrà scalare due punti di penalità. “Su questa pista avremmo potuto mostrare una buona prestazione”, ha aggiunto papà Verstappen. A confermare l’ipotesi il secondo posto conquistato da Daniel Ricciardo… “L’auto sembra migliore rispetto all’inizio della stagione, quindi ha preso la giusta direzione, ci offre speranza. Il prossimo anno vogliamo vincere e combattere per il titolo”.