La Red Bull potrebbe essere rilevata dalla Porsche

Porsche Red Bull (©SeanBullDesign)

Quando ormai è stata superata alla grande la metà stagione, impazza in F1 il mercato piloti e la campagna acquisti dei team, ma non solo. A fronte del nuovo regolamento relativo ai motori che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 2021 , continuano a farsi rumorose le voci di un prossimo ingresso dei grossi costruttori, sulla scia di quanto sta accadendo anche in Formula E. L’ultima indiscrezione che ha fatto capolino mentre il Circus si prepara a vivere uno dei weekend più sfavillanti del suo calendario, alias Singapore, è il rilevamento della Red Bull Racing da parte di Porsche. Ovviamente tutto questo in ottica futuro.

Gli amanti del motorsport ricorderanno che il brand tedesco lo scorso luglio ha fatto sapere di voler interrompere da fine 2017 la propria attività nel Campionato Mondiale Endurance (WEC), classe LMP1, per dedicarsi dal 2019, anima e corpo alla categoria al 100%. Ora, però un’altra possibilità si è fatta avanti. A confermare questo passo il boss finanziario di Stoccarda Lutz Meschke, che, presente al round di Monza, ha ammesso un certo interesse verso la massima serie, seppur in veste di mero motorista. Nello specifico, il dirigente è apparso molto interessato al piano corrente di passare a V6 doppio turbo. “E’ necessario tagliare i costi e la strada ipotizzata è quella ottimale per raggiungere il target”. Il commento rilasciato in Brianza.

Oggi, tuttavia, come detto, la questione avrebbe allargato il suo raggio, con addirittura la chance di vedere una scuderia Porsche Red Bull. Se così fosse, la struttura di Milton Keynes non verrebbe comunque stravolta. Christian Horner continuerebbe a restare al muretto e Adrian Newey a progettare e gestire il reparto design che si interfaccerà con quello di Weissach.

Per quanto riguarda la Toro Rosso, come noto sorella minore e fucina per giovani talenti, potrebbe passare in mano alla Honda, qualora l’accordo per la fornitura della power unit dal 2018 dovesse andare in porto. E il marchio Red Bull resterebbe soltato in qualità di sponsor.

Chiara Rainis

 

Tags:

Altre Notizie