Jorge Lorenzo: “Le modifiche all’assetto hanno funzionato”

(©Agenzia Bonora/Tuttomotoriweb.com)

Partirà dalla quinta piazza e la cosa lo rassicura molto. Al termine delle qualifiche sotto il cielo nuvoloso di Misano Jorge Lorenzo si mostra sorridente e pronto a fare la danza dell’asciutto, confortato dalle sensazioni avute dopo le modifiche al set-up.

“Sarà perché ho provato qualcosa che mi ha dato quel mezzo secondo in più, ma sin dall’FP4 la moto ha risposto molto bene”. Ha dichiarato il maiorchino.”Purtroppo quando ho messo la gomma morbida al posteriore ho fatto un giro abbastanza lento, mentre nel secondo ho commesso un errore e ho deciso di tornare ai box. A sorpresa mi sono trovato benissimo con la media al posteriore. Mi ha consentito di spingere forte e questo potrebbe essere un vantaggio in ottica gara con il sole”.

Proprio il meteo potrebbe influenzare e non poco l’esito del GP domenica.”Considerato l’asfalto scivoloso, sarebbe una bella lotta sul bagnato. Tra l’altro abbiamo poco tempo per prepararci. Forse solo il warm up. L’ultima volta con la pioggia ero stato veloce, dunque mi auguro di ripetermi, anche se vorrebbe dire che tutto il lavoro di oggi non è servito a nulla. La riflessione del centauro Ducati.

“Sull’asciutto potrebbe rivelarsi una corsa simile a quella di Silverstone, con cinque piloti davanti a darsi battaglia. Speriamo di non perdere tanto come in quell’occasione. Molto dipenderà dal passo e dal consumo delle gomme. Cercherò di attaccare nella seconda parte e migliorare il mio piazzamento dell’Inghilterra”. Ha aggiunto passando poi ai progressi della sua Desmosedici degli ultimi mesi. “L’accelerazione della moto non è male. Il problema è che perdo ancora parecchio a centro curva. Siamo forti in frenata e adesso stiamo mostrando che questo è un punto forte della moto. Adrebbe soltanto migliorata la direzionalità. Ad ogni modo la crescita è evidente e la prova la sia ha guardando i risultati sia dei piloti ufficiali, sia dei privati che finora hanno ottenuto pole e vittorie”. La conclusione di Lorenzo.

Chiara Rainis