Stefano Domenicali: “Alonso merita una macchina competitiva”

Fernando Alonso (©Getty Images)

E’ ormai diventato il caso umano della F1 del 2017. Fernando Alonso sta più facendo parlare di sé ora che viaggia sempre tra ritiri e centro gruppo, che quando vinceva. Protagonista di un nuovo ritiro in quel di Monza lo spagnolo ha tuttavia incassato il sostegno di nomi noti. Su tutti quello dell’ex team principal Ferrari Stefano Domenicali, presente nel Tempio della Velocità in qualità di dirigente della Lamborghini. “E’ chiaro che si trova in una situazione complicata, dunque non sarà semplice per lui capire cosa fare il prossimo anno”. Ha detto ai microfoni di Sky. “Di certo merita il meglio. E’ un grandissimo e tutti ne sono consapevoli”.

Solidale con il pilota McLaren anche Daniel Ricciardo. “Sfortunatamente la Honda con il suo motore non si sta rivelando in grado di rendere la MCL32 competitiva, di conseguenza sono convinto che quando la scuderia di Woking passerà alla Renault o a qualsiasi altro fornitore riprenderà automaticamente ad essere veloce, perché in sé la macchina non sembra male.Quindi nel 2018 saranno di nuovo forti”. La riflessione dei driver Red Bull a Marca. “Per quanto concerne Nando, mi sta simpatico e lo rispetto come corridore. Mi piacerebbe vederlo soffrire di meno in pista e possibilmente su un’auto al top. Sarebbe fantastico averlo come compagno di box. O lui, o Hamilton. Sarebbe meraviglioso!”.

Dal canto suo Fernando Alonso, malgrado i messaggi radio al vetriolo, continua a professarsi solidale con l’equipe inglese. “Una delle soluzioni per risalire lo schieramento è cambiare propulsore, ma prima di prendere io una decisione dovrò aspettare quella della McLaren. Da parte mia ci tengo ad essere leale con loro considerato quanto mi hanno sostenuto in questi tre anni. In sistesi, darò una risposta non appena sarà chiaro quale power unit e quale telaio avremo a disposizione il campionato venturo”.

Chiara Rainis