Nuova chance per Giovinazzi con la Haas a Singapore

Antonio Giovinazzi (©Getty Images)

Lo scorso venerdì a Monza tutti i tifosi Ferrari lo aspettavano, ma alla fine l’attesa è stata invano. Infatti solo nel pomeriggio la Haas ha spiegato di aver preferito lasciare al box Antonio Giovinazzi per dare più tempo a Romain Grosjean di prendere le misure con gomme e circuito alla luce di previsioni meteorologiche che, a ragione, davano pioggia per sabato, a differenza del sole previsto per la gara.

Questo mercoledì la scuderia americana ha annunciato che la sessione di libere persa nel Tempio della Velocità, verrà recuperata dal pilota di Marina Franca a Singapore la prossima settimana, prendendo il posto, in questo caso di Kevin Magnussen. Successivamente l’italiano si metterà al volante della VF17 in Malesia, in Messico, in Brasile e ad Abu Dhabi. Pur assente dalle competizioni nude e crude Bon Giovi ha avuto già diverse opportunità nel 2017 avendo sostituito in gara l’infortunato Pascal Werhlein sulla Sauber nei primi due round stagionali di Australia e Cina, convincendo a Melbourne ma poi finendo a muro sia in qualifica, sia in corsa, a Shanghai.

Qualcosa di analogo è capitato pure con la Haas quando il 23enne ha saputo ottenere un buon 16° posto nell’FP1 di Silverstone, schiantandosi invece a Budapest. Un andamento alternato che potrebbe costargli la possibilità di essere promosso a titolare nel 2018, se poi si pensa che da tempo gli italiani sembrano essere poco in linea con le richieste della F1, soprattutto in termini commerciali.

Se di lui e sull’altro giovane di scuola Ferrari Charles Leclerc si è espresso in queste ore il boss della Rossa Maurizio Arrivabene, che ha così riassunto: “Stanno crescendo entrambi. Per il momento li stiamo accompagnando nel loro percorso ed entrambi stanno crescendo. L’obiettivo finale resta quello di schierarli nel futuro, tuttavia prima di guadagnarsi una posizione nel Circus dovranno dimostrare di meritarsela”.

Chiara Rainis