Pascarella fredda Rossi: “Tempi di guarigione uguali per tutti”

Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi ha già cominciato il suo cammino verso il pieno recupero. Sarà una strada lunga e tortuosa, ma lui non demorde. Il Dottore con il brutto incidente subito mentre si allenava con l’Enduro ha dovuto dire addio probabilmente alle ultime speranze di poter vincere il suo 10° titolo mondiale quest’anno.

Fortunatamente per Valentino Rossi c’è lo SKY Racing Team VR46 a tenerlo impegnato anche durante questo periodo di stop. Tra le punte di diamante della squadra c’è sicuramente Andrea Migno, 21 anni e tanta voglia di diventare un fuoriclasse assoluto. Il pilota di Cattolica in questa stagione, al Mugello, ha trovato anche il suo primo successo in carriera.

Il recupero di Rossi non è cosa semplice

Come riportato da “Il Corriere dello Sport”, Migno ha parlato così di Valentino Rossi: “Vale sta bene, è andato tutto bene, ha sempre il sorriso stampato sulle labbra. Pensa positivo, questa è la sua forza. A Misano lui non ci sarà, speriamo di tenere alta noi la bandiera”.

Ha commentato la situazione anche il dottore Raffaele Pascarella, il chirurgo che l’ha operato: “Può farcela a recuperare per fine mese, ma i tempi di guarigione sono uguale per tutti, anche per i fenomeni. Noi abbiamo considerato 30-40 giorni di riposo. Per gareggiare ad alti livelli deve stare bene. Poi starà a lui in base al dolore che sente quando cammina decidere se salire in moto o meno. Ora deve riprendere pian piano la sua vita”.

Insomma entusiasmo un po’ smorzato perché per quanto i piloti MotoGP si sembrino dei supereroi in fondo, sono comunque degli uomini, con le loro debolezze e come ha detto il dottor Pascarella i tempi di recupero non cambino di certo solo perché ti chiami Valentino Rossi. Naturalmente la grande forza di volontà e la propensione a resistere al dolore già mostrata in passato potrebbero fare la differenza.

Antonio Russo