Felipe Massa: “Alonso e Schumacher i più forti che ho visto”

Felipe Massa (Getty Images)

Felipe Massa è uno di quei piloti che a Monza ha provato emozioni forti, ma soprattutto ha sentito sulla pelle il brivido di scendere a fine gara da una Ferrari. Si perché correre a Monza è qualcosa di eccezionale, ma se lo fai con una Ferrari ha tutto un altro sapore, è come se ti chiami Maradona ed entri al San Paolo di Napoli. Qui la gente impazzisce per il Cavallino.

Come riportato dal “Corriere della Sera”, Felipe Massa, in vista del prossimo weekend di gara ha così dichiarato: “Ho fatto tanti podi qui, non solo con la Ferrari, probabilmente il migliore è quello con la Williams nel 2014. Ero appena andato via da Maranello, non c’erano piloti Ferrari sul podio e tutti urlavano il mio nome. Quest’anno eravamo partiti bene, poi siamo calati”.

Massa vota Leclerc per il futuro

Il brasiliano ha poi proseguito: “Parlo molto con Stroll, è uno che impara in fretta. Dopo l’anno scorso non faccio programmi, correrò finché mi divertirò. La Formula E è divertente potrebbe essere il mio futuro. La lotta tra Vettel e Hamilton è intensa, è presto per capire chi è favorito. Io tifo Ferrari, sarebbe bello se vincesse. Non mi aspettavo di vederli così competitivi, hanno mandato via tanti e hanno puntato su nomi poco noti, ma i risultati sono stati ottimi”.

Felipe Massa ha poi concluso: “Gli ordini di scuderia non si digeriscono facilmente, ma se il tuo compagno sta lottando per il titolo è giusto dargli una mano. I piloti più forti che ho incontrato sono Schumacher e Alonso. Lo spagnolo sta in una brutta situazione, ma ha scelto lui la McLaren. Per il futuro dico Leclerc, è fortissimo, avrà un grande avvenire. Con Liberty Media le cose sono migliorate in F1”.

Insomma Felipe Massa porta ancora nel cuore i colori Ferrari. Il brasiliano nel 2008 sfiorò il titolo mondiale con la Rossa. Purtroppo per lui però Hamilton lo beffò all’ultima curva superando Glock. Quella è una ferita che difficilmente si rimarginerà nella carriera di Felipe.

Antonio Russo