Montezemolo: “Nessun invito per le celebrazioni dei 70 anni Ferrari”

Luca di Montezemolo (©Getty Images)

Malgrado il teatrino di facciata messo in piedi nei momenti appena successivi al divorzio il rapporto tra la Ferrari e Luca Cordero di Montezemolo si è rivelando tutt’altro che rosa e fiori. Superata la moderazione del principio e il volemose bene a tutti i costi, il pupillo di Gianni Agnelli non ha ma mancato di sottolineare i propri successi al vertice della Rossa sia dal punto di vista sportivo, sia commerciale, punzecchiando qua e là mister Maglioncino Marchionne per risultati che stentavano ad arrivare.

Ora, in concomitanza con il weekend di Monza, che sta vedendo un Cavallino super applaudito dalla marea di tifosi accorsi apposta per sostenerlo, l’ex Presidente è tornato a parlare con una nuova stoccata alla neo dirigenza. “Non ho ricevuto alcun invito per il GP”. Ha puntualizzato a La Gazzetta dello Sport rispondendo a chi gli chiedeva se si sarebbe unito alle celebrazioni per i 70 anni del marchio. “Ad ogni modo questo è poco significativo. Ciò che conta è che la Scuderia sia tornata a vincere”.

Intanto nel fine settimana brianzolo sono arrivate notizie dai toni contrastanti a proposito dei giovani dell’Academy. Antonio Giovanizzi, che avrebbe dovuto girare nel corso delle libere 1 con la Haas, è stato messo in panchina a favore di Romain Grosjean con la giustificazione di avere bisogno di raccogliere più dati con il pilota ufficiale. All’opposto buone nuove hanno fatto gongolare Charles Leclerc, il campioncino mattatore indiscusso del 2017 della F2, che dopo aver guidato la VF17 in Gran Bretagna, in Ungheria, in Germania e in Brasile nel 2016, avrà adesso l’occasione della vita per mettersi in mostra.

La Sauber ha infatti annunciato che il monegasco salirà sulla C36 in Malesia, negli Stati Uniti, in Messico e in Brasile. Una decisione che proietta Hinwil a team B della Ferrari in ottica 2018. Se poi si pensa che Pascal Wehrlein ha ammesso di non avere quasi più speranza per la riconferma, c’è da scommetterci che ad occupare il suo sedile sarà proprio il 19enne, caro amico di Jules Bianchi.

Chiara Rainis