Renault: “Alonso da noi nel 2018? Non sarebbe il momento giusto”

Fernando Alonso (©Getty Images)

Tutti lo vogliono e nessuno lo piglia. Questa la storia di Fernando Alonso, amato e glorificato da buona parte del paddock del Circus ma inviso alla dirigenza dei team grandi e medi. Allontanato dalla Ferrari, da vade retro per la Mercedes, di certo ormai sopportato poco dalla McLaren, il big asturiano ha incassato un no anche dalla Renault. Interrogato a proposito della futura formazione della scuderia anglo-francese il direttore sportivo Cyril Abiteboul ha scartato il due volte iridato a causa delle sue aspettative un po’ troppo elevate per le attuali possibilità dalla squadra.

“Per ora la mia risposta su di lui resta la stessa. Si trova in una grande equipe alle prese con diverse considerazioni strategiche, inoltre vanno tenute in mente le tempistiche. Insomma, le cose devono essere compatibili ben diventare di successo. Non basta sapere che lo sono state in passato. E’ il domani che ci interessa. Nando ha le sue dinamiche e credo che abbia soltanto urgenza di trovarsi in un posto dove poter lottare per il titolo”. Ha dichiarato a Motorsport.com. “Noi sappiamo bene di avere bisogno di tempo per tornare ad offrire una macchina con quel potenziale e di certo non desideriamo avere un pilota frustrato su una nostra vettura”.

Archiviato il nome di Alonso ad Enstone potrebbero decidere di puntare sulla scommessa Kubica, secondo voci di nuovo in pista nelle prime libere della Malesia a fine settembre. “Se non ci fosse un regolamento tanto restrittivo avremmo già organizzato dei test, ma come accade per i giovani, le chance saranno scarne anche per Robert. Vedremo come andrà. Nelle prossime due/tre settimane ci saranno numerosi annunci e noi dovremo far parte di quel treno. Purtroppo non è ancora chiaro se lui sia in grado di correre in F1. Al momento la RS17 è diventata più o meno la quarta auto più competitiva in griglia e ciò ha alzato l’asticella delle attese. Siamo diventati più attraenti e il tempo a disposizione gioca a nostro favore, per cui vaglieremo con attenzione ogni opportunità”. Ha quindi concluso Abiteboul.

Chiara Rainis