Valentino Rossi tradito dal posteriore. “E’ il momento del Dovi”

Valentino Rossi (©Getty Images)

Sei gare al traguardo mondiale, 26 punti da scalare verso la leadership, Misano diventa un autentico tie-break. Valentino Rossi lascia Silverstone con un sorriso forzato, perchè se è vero che il podio era l’obiettivo sperato, la vittoria gli è sfuggita amaramente. Ancora una volta tradito dalla gomma posteriore che cede negli ultimi giri lasciando il passo agli avversari.

Una gara guidata in testa dalla partenza fino al 18° giro, quando la Ducati di Dovizioso aveva più gomma da mettere in gioco. Anche la M1 di Maverick Vinales, che calzava un pneumatico posteriore soft, ha avuto la meglio sulla Yamaha del Dottore negli ultimi giri. La nota positiva è il ko di Marc Marquez, ma non basta per guardare con fiducia alla corsa iridata. Nel test di Misano Valentino Rossi ha fatto passi avanti con il posteriore, ma non basta.

Il veterano della MotoGP in cuor suo sa che l’impresa rasenta il confine del possibile. “Ho questo problema negli ultimi giri, sappiamo cos’è, ma ci vuole un po’ di tempo per risolverlo perché non è così facile. Magari se ci riusciamo prima della fine dell’anno, più che per il Mondiale mi piacerebbe lottare per la vittoria come oggi o per il podio”. Il vecchio leone conosce i limiti della moto, i punti forti degli avversari, le caratteristiche delle ultime sei piste. Ma il leone è ferito, non è morto… “Fino a quando ho ancora la velocità e potrò lottare con gli altri ragazzi vado avanti”.

A San Marino serve un altro podio, meglio sarebbe una vittoria. Viceversa non resterebbe che gettare la spugna iridata. Davanti al pubblico di casa lo spettacolo sarà assicurato e sono in molti a sognare una rivincita sul Dovi. “Sarà bello per l’Italia, perché io, la Ducati e Dovi siamo quelli che hanno più tifosi… Speriamo magari di potercela giocare all’ultimo giro”. I favoriti non possono che essere Andrea e Marquez, ovviamente il Dottore farà il tifo per il connazionale. “Un pochino mi ha stupito – ha ammesso Valentino Rossi -, però ha sempre avuto una grandissima dedizione al lavoro ed anche talento. Quindi sembra essere arrivato il suo momento”.

Luigi Ciamburro