MotoGP Honda, Livio Suppo: “Marquez poteva lottare con Dovizioso”

Livio Suppo (©Getty Images)

Non è stata una bella giornata ieri a Silverstone per la Honda. Infatti, il motore ha lasciato a piedi Marc Marquez mentre era in lotta per poter vincere. Lo spagnolo è stato costretto al ritiro forzato, perdendo così punti importanti nella classifica generale MotoGP.

Il campione del mondo in carica è stato scavalcato da Andrea Dovizioso, vincitore della corsa e che adesso lo precede di 9 punti. Ma ci sono ancora diverse GP da qui alla fine del Mondiale e dunque il fenomeno di Cervera deve assolutamente credere nelle proprie chance iridate. I giochi sono apertissimi. Occhio anche ai piloti Yamaha, Maverick Vinales e Valentino Rossi, seppur più distanziati.

MotoGP Honda, Suppo e il ritiro di Marquez

Livio Suppo, team manager Repsol Honda, ai microfoni di AS ha dichiarato quanto segue sulla rottura del motore della RC213V: “Naturalmente ci scusiamo col pilota quando questo accade, è normale. Quando il pilota cade, è lui che si scusa ai meccanici e quando il motore si rompe, è solo lui che riceve le scuse. Nelle gare, sia il pilota che la fabbrica possono fallire, la cosa importante è rimanere sempre uniti”.

Nel team giapponese non sono preoccupati per quanto successo a Silverstone. Suppo, interpellato da Marca, è sembrato tranquillo: “È chiaro che non è la cosa migliore che ti possa succedere in una gara, dove combatti per un sacco di punti. Ma sono le gare, è parte di loro. Marc aveva fatto la pole, il giro più veloce della gara. Secondo me, non dico che avrei vinto, ma si sarebbe giocato la vittoria con Dovizioso. Siamo ancora ottimisti e combatteremo nelle prossime sei gare”

In merito alle ragioni della rottura del motore ancora non si conoscono le cause: “Non sappiamo ancora, dobbiamo mandare il motore in Giappone. E poi ci diranno. Normalmente l’affidabilità non è un problema e quindi ci aspettiamo che ciò continui, che questo sia un caso isolato”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)