Toto Wolff: “La Mercedes può vincere entrambi i titoli”

Toto Wolff (©Getty Images)

Se la classifica costruttori dove al momento è al comando potrebbe dargli ragione, non lo stesso si può dire per quella piloti che vede Vettel precedere Hamilton per 14 punti, eppure il direttore generale Mercedes Toto Wolff, alla vigilia dell’avvio della seconda parte di stagione in Belgio, si è detto convinto delle possibilità del team di portarsi a casa entrambi i titoli.

“Si da subito era apparso chiaro che il campionato 2017 sarebbe stato diverso dai tre precedenti. In quelle occasioni avevamo il lusso di un certo vantaggio in termini di performance rispetto al resto del gruppo, il che significava vedere i nostri ragazzi duellare tra di loro per la conquista della coppa finale, in questa occasione però è diverso. Le nuove regole sono state dettate per resettare il livello delle prestazioni e ha funzionato”. Ha dichiarato il manager viennese. “Per la prima volta da sempre, la scuderia campione in carica ha comunque saputo mantenersi al vertice malgrado le grosse modifiche e per quanto ci riguarda ci sentiamo orgogliosi di avercela fatta”. Ha proseguito commentando la generale marche.

“Oggi siamo stati raggiunti dalla Ferrari e anche la Red Bull con il passare delle gare è cresciuta. Questa è la realtà che dobbiamo affrontare ora e siamo di mente abbastanza aperta per adattare il nostro approccio alle circostanze”. Ha riflettuto evidenziando come nonostante ciò i target non siano cambiati. “Ambiamo mantenuto però le medesime ambizioni della prima corsa, ossia aggiudicarci tutti e due i titoli. La storia ci ha insegnato che la vettura più rapida premia il pilota, mentre la line up più costante la Casa, di conseguenza le priorità sono chiare. Dovremo cercare di rafforzare costantemente la monoposto senza commettere errori e massimizzare il potenziale su ogni circuito. La motivazione e la determinazione in fabbrica sono più forti che mai. L’Ungheria, anzi, ha dimostrato quanto possiamo fare uniti e l’intenzione da qui ad Abu Dhabi è proprio quella di confermare la nostra forza”. Ha chiosato Wolff.

Chiara Rainis