Offerta pazzesca, la lettera di Valentino Rossi venduta all’asta

Valentino Rossi

La stagione 2010 si conclude con Valentino Rossi 3° alle spalle del compagno di squadra Jorge Lorenzo e di Dani Pedrosa. Questa è la goccia che fa traboccare il vaso, in Yamaha si punta sul nuovo che avanza e il vecchio campione, il Dottore, si sente inevitabilmente messo da parte. Arriva l’offerta Ducati, un’offerta non certo allettante, la moto non è delle migliori, ma accanto a quell’offerta c’è un sogno, che strega tutti gli italiani: Rossi che vince sulla Rossa, un binomio che cromaticamente funziona.

Valentino Rossi decide così di mollare la Yamaha dopo 7 stagioni e 4 mondiali vinti. In Ducati attendono il Dottore, che desidera di poter riportare il titolo a Borgo Panigale dopo Stoner. I sogni si intersecano tra loro, il Dottore vuole primeggiare in MotoGP con la 3a marca diversa e vuole vincere su una moto italiana.

Una lettera che vale oro

I sentimenti però per lui continuano a parlare Yamaha, Valentino Rossi, infatti, scrive una lettera struggente, d’amore, a quella moto che per tante vittorie è stata sua. Decide, infatti, di lasciare il team di Iwata non con il solito, freddo, comunicato stampa, ma con parole scritte di proprio pugno.

Come sappiamo la storia d’amore tra Yamaha e Valentino Rossi è sbocciata ancora una volta solo 2 anni più tardi a causa anche di una Ducati mai all’altezza del talento del Dottore. Ora però quella famosa lettera torna a far parlare di sé.

La lettera scritta da Valentino Rossi alla sua M1, infatti, è stata battuta all’asta sul sito australiano “Shannonscharity” alla mostruosa cifra di 40mila dollari australiani, circa 27mila euro. Il ricavato verrà devoluto in beneficenza. Oltre alla lettera del Dottore sul sito sono presenti anche altri oggetti legati a piloti del Motomondiale.

Antonio Russo

Valentino Rossi