Eric Boullier: “Fernando Alonso non è difficile da gestire”

Fernando Alonso (©Fernando Alonso Instagram)

Malgrado la fama di personaggio difficile da gestire che Fernando Alonso si è costruito a causa di un carattere caliente mostrato più volte in passato ma soprattutto nelle ultime stagioni nei confronti della Honda, per il responsabile del muretto McLaren Eric Boullier il due volte iridato è pressoché un agnellino votato soltanto alla ricerca della competitività di auto e squadra.

In pratica il francese si è proclamato stupito del totale disinteresse palesato nei riguardi dell’iberico da parte delle ex Mercedes e Ferrari, da cui per la verità si era separato non proprio serenamente, ricevuta la notizia della prossima fine del contratto con Woking.

“Cosa rende Nando unico rispetto alla concorrenza è il bisogno vitale di essere vincente. Al lui importa solamente arrivare primo ed è disposto a tutto pur di riuscirci”. Ha dichiarato ad F1i.com. “Se ti trovi a gareggiare contro di lui su una pista di go-kart, o a tennis, lui darà comunque il 200% per uscire al top, impegnato come se come se si trattasse in un weekend di gara”.

“In sintesi la sua vita ruota attorno alla necessità di fare buone prestazioni e avere successo. Non voglio dire che è un monaco, ma ciò che gli importa davvero è solo competere”.  Ha aggiunto il boss transalpino che ha considerato come questo approccio dedicato e appassionato abbia però  sortito un effetto negativo. “E’ una grande qualità, che tuttavia ha generato delle incomprensioni a proposito delle aspettative che nutre nei confronti delle scuderie. In molti pensano sia complicato da gestire, ma non è così.  Una volta compreso che la sua è fame di performance, diventa molto facile avere a che fare con lui. Di certo, come si può ben immaginare, oggi è deluso per gli scarsi risultati. Ha una sua personalità e delle condizioni, però è lontano dalla persona che in molti dipingono”.

Chiara Rainis