Le pagelle di Tuttomotoriweb.com: TOP e FLOP del GP d’Austria 2017

MotoGP (Getty Images)

Il Gran Premio d’Austria ha visto due grandi protagonisti, Marc Marquez e Andrea Dovizioso. I due hanno dato vita ad una battaglia a colpi di sorpassi e sportellate che è durata sino all’ultima curva e che ha visto alla fine il pilota Ducati trionfare. Da segnalare anche l’ottima prova, l’ennesima stagionale, di Zarco, che ha chiuso come migliore delle Yamaha.

Hanno enormemente deluso, invece, le due Yamaha, con Rossi e Vinales che hanno dato vita alla sagra dell’errore. Pessima anche la gara di Crutchlow giunto 15° ad un’infinità di secondi dalle altre due Honda.

 

TOP

3. Zarco (Yamaha Tech 3) – Esordio davvero ottimo per lui in MotoGP. In Austria, come già gli era capitato in altre occasioni, mette la sua Yamaha cliente davanti a quelle ufficiali. Torna a fare la voce grossa tra i grandi dopo 3 Gran Premi di anonimato in cui ha sporcato una stagione altrimenti perfetta. Si candida ad assoluto protagonista per il prossimo mondiale. Sul tracciato di Spielberg raccoglie il massimo. Encomiabile. VOTO 6.5

2. Marquez (Honda) – L’anno scorso era arrivato 5°, ad una vita dalle Ducati qui in Austria. Dopo un inizio di campionato non certo felice sembra aver ritrovato quella costanza che lo ha reso grande. Perde il duello personale con Dovizioso, ma guadagna punti su tutti gli altri. Da applausi poi il tentativo di sorpasso nel finale, a dimostrazione del fatto che lui in pista non vuole certo fare calcoli. VOTO 8

1. Dovizioso (Ducati) – Ad inizio stagione Ducati lo aveva messo praticamente alla porta, con le valigie in mano. Lui, invece, è rimasto e ha dimostrato a tutti di poter battere in pista, lì dove conta davvero, lo sponsorizzato compagno di squadra Jorge Lorenzo. Ora Andrea è in piena lotta per il titolo e soprattutto ha fatto quel definitivo salto di qualità nella testa. In Austria ha confezionato la sua vittoria più bella, ha battuto Marquez nel corpo a corpo dimostrando di essere un pilota importante. VOTO 10

 

FLOP

3. Vinales (Yamaha) – Ad inizio stagione veniva visto come il cannibale di questo campionato MotoGP, poi pian piano si è spento. In Austria vive uno dei suoi weekend più anonimi dell’annata e commette anche un grave errore al 4° giro andando lungo. Si limita a svolgere il compitino e vive la beffa di finire alle spalle della Yamaha clienti di Zarco. VOTO 5

2. Rossi (Yamaha) – Dopo il brutto errore di Brno ci si aspettava qualcosa in più da parte del Dottore in Austria. Tra il giro 13 e 14 ne combina di tutti i colori, prima si fa superare da Zarco e Pedrosa e poi va largo facendosi sopravanzare anche da Vinales. Dopo le dichiarazioni della vigilia ci si aspettava di vedere un Rossi completamente diverso. La sua Yamaha non è al top, ma lui fa di tutto per peggiorare le cose. Così il mondiale è sempre più distante. VOTO 4

1. Crutchlow (Honda LCR) – Quest’anno le Honda in Austria andavano decisamente forte e a corroborare questa tesi ci hanno pensato Marquez e Pedrosa giunti al traguardo al 2° e 3° posto. Il britannico replica il triste 15° piazzamento della passata stagione sul tracciato austriaco. La sua gara è anonima e inspiegabile. VOTO 3

Antonio Russo