Suzuki pensa al 2018. Iannone: “Siamo sulla buona strada”

Andrea Iannone (Getty Images)

Suzuki fa piccoli passi avanti dopo il test a Brno, ma ancora fatica ad essere con il gruppo di testa. All’indomani della disastrosa gara in Repubblica Ceca Andrea Iannone ha provato alcuni aggiornamenti sulla GSX-RR sia a livelli di elettronica che di motore. Per accelerare lo sviluppo la casa di Hamamatsu ha arruolato per il lunedì anche il collaudatore Takuya Tsuda per raccogliere il maggior numero possibile di informazioni sulle nuove configurazioni.

Resta da capire quanto sia grande lo step compiuto da Suzuki che da qui a due giorni tornerà in pista al Red Bull Ring. “E’ un peccato che non abbiamo potuto utilizzare meglio il pneumatico morbido. Purtroppo mi sono schiantato due volte in mattinata cercando di spingere la moto al limite, questo ci ha fatto perdere molto tempo. Ci siamo concentrati per provare alcuni nuovi miglioramenti per il 2018 e sento che la direzione è corretta. La mia sensazione sulla moto è migliorata molto”.

A confermare le buone impressioni anche il compagno di squadra Alex Rins. “Ho parlato con Alex e ha avuto quasi le stesse sensazioni che ho avuto – ha aggiunto Andrea Iannone -. Quindi penso che siamo tutti sulla strada giusta e abbiamo una buona opportunità di migliorare”. Il successivo banco di prova è la tappa in Austria nel prossimo week-end, dove l’anno scorso il pilota di Vasto ha ottenuto la sua prima vittoria in classe regina.