Valentino ferma Ezpeleta: “20 gare sono il limite”

Valentino Rossi e Marc Marquez (©Getty Images)

Il Motomondiale passerà da 18 a 19 gare nella stagione 2018, includendo il GP della Thailandia, dove si svolgeranno anche i test invernali. La prossima stagione prenderà il via una settimana prima, il 18 marzo, in Qatar, e al Chang Circuit si farà tappa verso la fine dell’anno. Ma a metà febbraio i team di MotoGP andranno per un test invernale dal 16 al 18 febbraio al posto di Phillip Island.

Dal 2019 il numero dei Gran Premi salirà a 20 con l’ingresso della Finlandia e Carmelo Ezpeleta ha intenzione di arrivare a quota 22 GP in breve tempo. Un’idea che non piace ai big della classe regina. “20 gare sono il limite. Già 18 gare a stagione sono molte di più. Con due gare più lunghe bisogna trovare un buon equilibrio tra le gare e le prove”, ha detto Marc Márquez. “In Formula 1 le corse sono anche di più, ma si prova meno. Però hnno la possibilità di testare al simulatore, noi non possiamo farlo. Da parte mia possiamo accettare due corse aggiuntive. Ma più di 20 Gran Premi sarebbe difficile”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il parere di Valentino Rossi. “Seguiamo un po’ l’esempio della Formula 1, dove ci sono 20 gare a stagione. 18 gare sono già un bel po’, ma 20 sono il limite”. L’importante non è solo la quantità, ma anche la qualità delle new entry… “E’ importante scegliere circuiti di alta qualità e paesi interessanti, buon asfalto, buone infrastrutture e buoni servizi. La Coppa del Mondo si deve svolgere al più alto livello”.

Nessun problema di Mondiale a 20 GP per il rookie Jonas Folger. “Credo che due gare in più sono accettabili. In Finlandia si tratta di un nuovo paese dove andremo. Più di 20 gare? Dobbiamo trovare un limite, perché poi c’è grande pericolo che i driver siano stanchi. Abbiamo già un sacco di test e gare. Ma mi piace guidare, quindi due gare sono più che bene per me”.